Domenica IIIa di Quaresima -A

19-marzo.jpg

LA DONNA AL POZZO DI GIACOBBE – Sieger Köder, 2001, 

Tempo di lettura previsto: 8 minuti

In ascolto del Santo Vangelo secondo Giovanni 4, 5-42

Gesù venne a sapere che i farisei avevano sentito dire: «Gesù fa più discepoli e battezza più di Giovanni» – sebbene non fosse Gesù in persona a battezzare, ma i suoi discepoli -, lasciò allora la Giudea e si diresse di nuovo verso la Galilea. Doveva perciò attraversare la Samaria.

Giunse così a una città della Samaria chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio: qui c’era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa mezzogiorno. Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù: «Dammi da bere». I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi. Allora la donna samaritana gli dice: «Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?». I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani. Gesù le risponde: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: «Dammi da bere!», tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva». Gli dice la donna: «Signore, non hai un secchio e il pozzo è profondo; da dove prendi dunque quest’acqua viva? Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede il pozzo e ne bevve lui con i suoi figli e il suo bestiame?». Gesù le risponde: «Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna». «Signore – gli dice la donna -, dammi quest’acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua». Le dice: «Va’ a chiamare tuo marito e ritorna qui». Gli risponde la donna: «Io non ho marito». Le dice Gesù: «Hai detto bene: «Io non ho marito». Infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai detto il vero». Gli replica la donna: «Signore, vedo che tu sei un profeta! I nostri padri hanno adorato su questo monte; voi invece dite che è a Gerusalemme il luogo in cui bisogna adorare». Gesù le dice: «Credimi, donna, viene l’ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre. Voi adorate ciò che non conoscete, noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. Ma viene l’ora – ed è questa – in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità: così infatti il Padre vuole che siano quelli che lo adorano. Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorare in spirito e verità». Gli rispose la donna: «So che deve venire il Messia, chiamato Cristo: quando egli verrà, ci annuncerà ogni cosa». Le dice Gesù: «Sono io, che parlo con te».

In quel momento giunsero i suoi discepoli e si meravigliavano che parlasse con una donna. Nessuno tuttavia disse: «Che cosa cerchi?», o: «Di che cosa parli con lei?». La donna intanto lasciò la sua anfora, andò in città e disse alla gente: «Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto. Che sia lui il Cristo?». Uscirono dalla città e andavano da lui.

Intanto i discepoli lo pregavano: «Rabbì, mangia». Ma egli rispose loro: «Io ho da mangiare un cibo che voi non conoscete». E i discepoli si domandavano l’un l’altro: «Qualcuno gli ha forse portato da mangiare?». Gesù disse loro: «Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera. Voi non dite forse: «Ancora quattro mesi e poi viene la mietitura»? Ecco, io vi dico: alzate i vostri occhi e guardate i campi che già biondeggiano per la mietitura. Chi miete riceve il salario e raccoglie frutto per la vita eterna, perché chi semina gioisca insieme a chi miete. In questo infatti si dimostra vero il proverbio: uno semina e l’altro miete. Io vi ho mandati a mietere ciò per cui non avete faticato; altri hanno faticato e voi siete subentrati nella loro fatica».

Molti Samaritani di quella città credettero in lui per la parola della donna, che testimoniava: «Mi ha detto tutto quello che ho fatto». E quando i Samaritani giunsero da lui, lo pregavano di rimanere da loro ed egli rimase là due giorni. Molti di più credettero per la sua parola e alla donna dicevano: «Non è più per i tuoi discorsi che noi crediamo, ma perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il salvatore del mondo».

In questa atmosfera così particolare, che dire? mi piace l’idea della sete. Di cosa abbiamo sete? di religiosità, di riti, di fede, di pratiche? La fonte è solo fuori di noi o anche in ciascuno di noi battezzato quindi immerso nella relazione con Cristo e tempio dello Spirito Santo? Lascio il testo proposto per intero, perché credo sia importante accostarlo per intero senza riduzioni che la liturgia invece propone nel foglietto parrocchiale.

Ho sete. Gesù evangelizza partendo dal proprio bisogno per aiutare l’altra a leggere il proprio personale bisogno. Non di acqua ma di un amore vero e definitivo.

Guardate con attenzione l’acqua nel fondo del pozzo. Non è narcisisticamente solo la sua immagine ma ben di più.

Senza comunità, senza messe, senza vita ordinaria, impegni, riunioni, attività, incontri, liturgie…provo a restare nel disagio infastidito, nelle chiacchiere inutili, nell’agone delle posizioni contrastanti, pro-contro, si dice, mi pare, mi piacerebbe, avrei bisogno… tra chi vuole una chiesa obbediente e chi di frontiera, tra chi si chiede che fine abbia fatto la chiesa “ospedale da campo” e con “l’odore delle pecore” e papa Francesco recluso in biblioteca in streaming, tra chi fa le messe di nascosto e chi no, tra chi si sente più devoto e bisognoso e ci va e chi no… insomma…vorrei semplicemente poter riuscire a stare ancora più in silenzio e “senza”…per comprendere davvero di cosa abbia realmente sete… se l’assenza possa raffinare in me il desiderio. Se questo tempo, come Gesù nel vangelo ci possa far passare dal bisogno “compulsivo” al desiderio..e se si possa non certo sostituire e nemmeno mettere a confronto ma recuperare che una bella sorgente è già in noi, che Lui abita già in noi, che più lo spostiamo fuori da noi, nel sacro, più noi restiamo morti e devoti.

Domenica IIa di Quaresima -A

Romanzo-Variopinta-Luce-di-Notte-LED-di-Cristallo-Artigianato-Piccola-Lampada-di-Notte-Lampada-Da-Tavolo.jpg

 

Tempo lettura previsto: 3 minuti

In ascolto del Santo Vangelo secondo Matteo 17, 1-9

Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.
Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Tranquilli, sarò breve… ho già scritto abbastanza per il 29 febbraio!

Continuiamo questo percorso nelle domeniche di quaresima, per molti caratterizzato da una “quarantena” che li tiene lontani dalla celebrazione comunitaria dei sacramenti e dell’eucaristia ma non dalla comunione con il Signore. Quindi ancora digiuno ma la possibilità almeno di ascoltare dentro di sé quello che questo fa vivere. Con quali emozioni stiamo vivendo la forzata assenza di messe? sconforto, indifferenza, rivalsa, vittimismo, bonifica, serenità, sfida, prova…. io mi auguro che si possa fare spazio al battesimo che abbiamo in noi per imparare, anche grazie a questo vangelo a vivere da trasfigurati, come fa Gesù. Lui è luce, abita in noi. Siamo chiamati a farlo apparire, manifestandolo agli altri attraverso la nostra umanità (unico strumento che abbiamo, anche se non ci piace o se preferiremmo quella di qualcun altro o se la vorremmo prima pulire, sistemare, correggere, migliorare, perfezionare…. assurdo!).

Non dobbiamo far altro, pare facile, che farlo brillare da dentro di noi, da dove fin dal nostro battesimo, Egli già vive. La mia vita, umanità gli serve per manifestarsi, non serve a me per manifestare me stesso, i miei meriti, competenze, capacità e devozioni.

Se lui davvero brillasse attraverso di noi…sarebbe solo questo a doverci preoccupare: senza pensare a sistemare noi stessi. Effatà!

29 FEBBRAIO, UN GIORNO IN PIU’: tra quarantena e quaresima.

volpe.png

Quattro anni fa scendendo da un rifugio innevato sul Grappa, a notte (molto) ben inoltrata, dopo una cena pazzesca tra sconosciuti invitati a caso, si programmava il 29 febbraio 2020.
Una nota nel cellulare da allora mi vedeva ogni tanto aggiornare idee, spunti, ospiti, inviti, dettagli. E non ero l’unico, mitica Cristiana, grazie! ad attendere e ideare questo evento.
Mi sono riletto dall’omonimo blog i deliri targati 2004, 2008, 2016…quanto tempo e che vita! un diario pazzesco di quel che mi vibrava o rimbombava dentro, inumidendo gli occhi o scaldando l’anima.
Non saranno i Mondiali o le Olimpiadi ma oramai questa storia del giorno in più mi accompagna da almeno 20 anni. Da mesi avevo prenotato il mega palazzetto e chiesto ad alcune persone di contribuire alla festa con talenti e passioni. Si voleva riprendere la festa del 2008, con tanta gente, (i temi dei miei studenti da leggere, le poesie, le sorane in rosso, i balli popolari…)
Mai avrei pensato di non poterlo celebrare. Effettivamente la cosa mi è sovvenuta un po’ dopo i calcoli e i preparativi che mi hanno portato qui a Roma, da dove scrivo. ‘Azz! mi son detto, peccato! Ma certi treni passano e così, con Cri, abbiamo sospeso i nostri programmi e ho molto mestamente liberato la prenotazione del posto.
Ma in questi giorni mi son chiesto, con sto benedetto corona virus e il blocco totale delle parrocchie, vuoi vedere che sul più bello avremmo dovuto farlo saltare? Pazzesco.
Cari affezionati lettori o quel che è, non avevo voglia di scrivere ma piuttosto che perdere una tradizione….miodddio!
E allora grazie a tutti quelli che da stamattina e in questi giorni mi stanno scrivendo e chiamando per augurarmi un buon 29 febbraio o reclamando la presente mail di auguri. Il famoso “giorno in più” regalato dall’astronomia o quel che è e che forse proprio a causa di quarantene, embarghi e divieti è passato in secondo piano.
Ma noi non ci spaventiamo e per quelli che solo da poco si fossero sintonizzati, voglio ricordare che questo giorno in più ci viene gentilmente offerto per noi stessi, è totalmente gratuito: promemoria un po’ folle per invitare a non prendersi sempre troppo sul serio e per qualche ora mettere il pilota automatico o regalarsi qualcosa con cui celebrare la vita, le cose belle, il sapore di qualche relazione, togliersi qualche sfizio o anche semplicemente non dare sempre tutto per scontato. Insomma è una sorta di giorno “civetta” cui agganciare un memorandum per dare qualità diversa alla propria vita…apparendo magari matti o poco seri, perché son facezie, sciocchezze, stupidaggini per noi veneti, concreti, pragmatici o indifferenti. E allora?
Un giorno in più per un po’ di poesia nella nostra prosa quotidiana, per i dettagli che fanno rallentare, alzando comunque un po’ la testa e socchiudendo gli occhi.
Allora buon giorno in più a tutti, che ve ne siate resi conto o meno, che lo abbiate in qualche modo celebrato o festeggiato o almeno lo abbiate desiderato.
Se ci avete provato, tranquilli, va bene lo stesso.
Al limite recuperate nei prossimi giorni: fate anche cose semplici ma per questo motivo!
Un giorno in più per sentire una persona che non senti da una vita e non mandarle sms o uozapp che tanto ormai abbiamo tutti “minuti illimitati” ma per farne che? Un giorno in più per fare le cose con calma, cambiare bagnoschiuma, finire quel libro ormai impolverato, ascoltare un genere di musica nuovo, lasciare l’ascensore per le scale e le scale mobili …per le scale e basta.
Un giorno in più per guardarsi dentro e scoprirsi fragili e soli. Per provare ad addomesticare i morsi della frustrazione, placare la rabbia, buttare il cuore più in là e chiudere l’agenda.
Per dire, con Vasco “e pensare che domani sarà sempre meglio”. E che “panta rei…nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”, come diceva Lavoisier…e sentire che è l’unica cosa che hai capito o ricordi di 6 anni di liceo scientifico, di cui 4 sulla chimica…
Per camminare più piano e alzare la testa, tener dritta la schiena e darsi un tono diverso. Per non buttare in vacca i discorsi, aspettare prima di parlare, guardare negli occhi e prendere la mano. Per un abbraccio spontaneo e uno sguardo trattenuto con uno sconosciuto. Un giorno in più per le mani da tabacco kentucky piuttosto che da amuchina come pure per provare a togliersi la maschera piuttosto che scegliere la mascherina: la maschera del “io devo, io posso, io sono, io ho, io dimostro, io ho fatto, ho già capito…lo so” quella che ti impedisce di essere te stesso e farti raggiungere, sentire nudo, naturale, creatura volubile, fallibile o fallita, alle corde o in cordata.
Per essere cortesi, premurosi, miti o mitici! Per non far le vittime, per “imporsi” di essere generativi, non solo generosi. Persone che sanno con la propria umanità (abbiamo solo quella concessa dal buon Dio) sgangherata, scordata o puzzolente generare in modo creativo e appassionato, vita bella, cose saporite, relazioni diverse, sguardi inediti.
Un giorno in più per ricordare ciascuno i propri morti, sorridere loro con nostalgia ma magari con fede credere che in qualche modo un giorno saremo ancora uniti.
Un giorno in più per pensare a chi davvero non ci sarà, nel ’24!
Un giorno in più per allungare la strada per un panorama diverso, scrivere dei pensieri da qualche parte per non perderli o potercisi re-immergere, programmare una visita, una gita, un film con gli amici o un museo a km zero.
Un giorno in più per arrivare trafelato e di corsa a Borgoricco e mangiare un toast pallido guardando catatonico il calendario del bar, per abbioccarsi sul Freccia con la bava alla bocca come un bulldog, ciucciare gli scampi spappolandoli impunemente, sputando ovunque le schegge per ridere (OU!), per le cene marittime, le birre notturne, i sigari sinceri fino alla fine.
Per andare a nuotare, per invitare qualcuno che non se lo aspetti a cena, passare per casa, andare a letto dopo pranzo, far colazione al bar e bere due caffè, un giorno in più per mangiare 3 Raffaello consecutivi ed estrarre altri numeri al folle lotto orientale del sushi e vedere che ti tocca mangiare ancora. Un giorno in più per avere nostalgia (quanto mi mancano le parrocchie!), sentirsi mordere dalla solitudine, percepire il rimbombo del tempo che passa con le sue voci, echi, sibili e suggestioni. E lasciare che sia. Tanto tutti parlano di tutto, di tutti, di te, di quel che sei o fai. Dipende solo da chi ha in mano il microfono, come sta, e se tu stai sentendo, sentirai o meno. Nulla che non si possa immaginare o smaltire. Per alcuni sei un eroe, per altri un pirla: dipende solo dal canale in cui sei sintonizzato. “Quante deviazioni hai?” (Vasco)
Un giorno in più per mordersi la lingua e non chiacchierare a caso, non giudicare, non mendicare commenti pur di sentirsi migliori. Per trattenere una battuta o anche mandare a quel paese qualcuno. Per sbattezzarsi o sbattersene. Un giorno in più per imparare a vivere diversamente gli altri giorni, o anche solo la settimana prossima. Per lasciarsi voler bene dagli altri come sono capaci di fare e accoglierlo con serenità e gratitudine. Perché poi…
Per permettere agli altri di essere premurosi con noi come pure per tracciare confini e spazi senza sentirsi in colpa di nulla. Per non ritenersi sempre indispensabili e dire “fasso mi” o eroi perché noi facciamo o martiri perché non possiamo andare a messa…che grande opportunità per il nostro battesimo poter essere preso sul serio e messo in gioco vista la forzata assenza dalle normali (e comunque necessarie!) celebrazioni liturgiche. Davvero credo che l’assenza possa provocare il desiderio. Ma forse abbiamo solo paura che se ci fermiamo, poi cadremo e sentiremo che magari…senza alcune “performance” religiose, mon dieu, staremo “bene” lo stesso? Che quel desiderio appassirà presto…Davvero non sappiamo essere provvisoriamente (almeno!) cristiani in modo diverso? Ci abbiamo mai provato? Tema scottante e delicato ma… stimolante.
Siamo cattolici ma non ricordiamo che milioni di nostri fratelli nel mondo non celebrano messa per mesi o anni. In alcune zone dell’Africa e dell’America Latina delle comunità cattoliche vedono prete e messa ogni 3 anni e son cristiani, tanto quanto noi che ci lamentiamo per fare 2 km per andare in chiesa, la “mia chiesa”e perché ci han spostato la messa di 15′.
L’evangelizzazione della Korea è avvenuta attraverso i laici che hanno iniziato a leggere libri cristiani e quindi a poco a poco considerarsi tali! E il primo prete stabile lo hanno visto dopo quasi 60 anni per i primi sacramenti e la prima messa. Fa riflettere, se ne hai il coraggio.
Un giorno in più per vivere da battezzati e scoprire sarebbe ben più che sufficiente intanto…per farsi domande scomode, per mettersi nella luce di Dio e guardarsi dal suo punto di vista, non solo e sempre dal nostro. Con quanto “noi stessi..io, io, io” continuiamo a ingombrare le nostre preghiere.
La quarantena viene imposta, la quaresima proposta. La Pasqua? appare così lontana.
Che ne abbiamo fatto della risurrezione dell’anno scorso?Abbiamo cercato di vivere da risorti?
Ci interessa? Rien ne va plus?
Un giorno in più per cambiare marca di whisky, fare il bis di dolce, fare quel che facciamo ma, lo ribadisco, con un senso diverso: di grato, di libero, sentendosi fortunati, amati, amabili, appassionati. Senza darlo per scontato ma nemmeno facendolo a caso. Un giorno in più pen pensare a un di più nei giorni.
Un giorno in più per provare il sorpasso in Ducati, fermarsi a fare una foto, per salutare con le due dita della mano sinistra chi viene dall’altra parte, per battere il tempo sul volante e programmare un viaggio. Un viaggio non è mai “in più!”
Un giorno in più anche se è il primo marzo, ma il numero 1 sa sempre di inizi, sfida, provocazione e semaforo verde. E molti di voi troveranno questo deliro quadriennale di lunedì, il 2 marzo. E se permettete magari aiuterà ad iniziare la settimana con un sorriso o un sospiro.
Cambierà qualcosa? no, lo sappiamo, ma almeno lo avremo sognato o sperato.
Un giorno in più per dire “Aooo’!” piuttosto che “ouh!”
Un giorno in più per “fumare che ti passa!”, per le MingiMungi, che “T’immagini”, per “quelli del radicchio.” Un giorno in più per dire “e perché no?” Dovete sapere che mi sto chiedendo, placida domenica sera romana umida e sonnacchiosa, se valga ancora la pena scrivere, spedire, raggiungervi. E perché no? La vita è fatta anche di piccoli gesti, di sputtanarsi senza pensare a come andrà, tanto di spam ne riceviamo tutti lo stesso…ma sentitela solo come una carezza da lontano o se permettete, da dentro, dal mio cuore.
Accoglierò sornione commenti, suggestioni, ritagli e dettagli sul vostro 29 febbraio o su quello che davvero non sarà stato in più ma bellissimo.
A tutti e ciascuno, uno sguardo e un occhiolino guascone.

vs
dmt