Gesù ti accende… Presentazione al Tempio – 2020 A

3D-lampada-da-tavolo-Ges-HA-CONDOTTO-LA-luce-La-chiesa-Cattolica-regalo-Di-Natale-di.jpg

3D lampada da tavolo Gesù US $23.92 su Aliexpress

Che brutto quando qualcuno non mantiene una promessa: insiste, ci rassicura ma poi ha solo parlato invano. Che delusione da piccoli, forse più puri e idealisti, che un “grande” non fosse di parola…sentirsi presi in giro, non considerati: vi è mai successo?

 L’A.T. ci offre un volto di Dio che promette continuamente: ad Abramo, Mose, al popolo d’Israele: sappiamo poi che il messia promesso era atteso, salvatore, da tutto il popolo, i profeti lo continuano ad annunciare fino a Betlemme: non era quel che ci si aspettava e sappiamo come è andata. Quindi il vangelo di oggi, 40 giorni dopo Natale: Maria e Giuseppe arrivano al tempio per rispettare la tradizione ebraica di presentare a Dio qualcosa per il dono del figlio. Simeone alla fine della sua lunga vita, può così riconoscere in Gesù, il compimento delle sue attese, ora lascia o Signore che il tuo servo vada in pace…muoia felice insomma; i miei occhi han visto la tua salvezza. Si è realizzata la promessa fatta nell’AT che Dio ci avrebbe raggiunto per donarci vita nuova.

  Questi versetti la liturgia li offre nella preghiera di compieta, con la quale si può terminare la giornata. Ci invita cioè ad affidare quanto accaduto quel giorno al Signore, cercando di ricordare se quella salvezza da Lui promessa, io l’abbia cercata o colta nella mia vita quotidiana..molto bello! Ci fa presente che non possiamo dirci cristiani senza desiderare di essere salvati. Lo diciamo salvatore ma come riesce a salvarci e da cosa durante il giorno? Lo possiamo scoprire permettendogli di illuminare le nostre coscienze le scelte che compiamo. Cristo luce del mondo, il cero che la notte di Pasqua entra nella chiesa buia, inizia la veglia pasquale e tutti accendono le candele; a quella stessa luce i papà attingono la luce della fede battezzando i loro figli…

Le candele che ci porteremo a casa in questa festa (da cui il latino e l’italiano candelora..) ci ricordano che non abbiamo tra le mani nessuna oggetto magico ma la fede in Gesù, la relazione con Lui ci rende cristiani. Simeone infatti nel vangelo continua dicendo… luce per illuminare la genti. Per quello benediciamo le candele. Abbiamo bisogno, a 40 giorni dal Natale, di portarci a casa la luce di Gesù. In realtà essa è già in noi dal battesimo. Ci invita a riconoscere che il suo stile di vita e la sua Parola possono illuminare le nostre vite e aiutarci a cogliere la realtà in modo diverso. Nella fede chiediamo al Signore quanto ci ha promesso: illuminarci con la sua Parola, darci speranza e sostegno.

La tradizione ci consegna l’usanza di poterla accendere nei momenti di mal tempo, difficoltà, fatica, sofferenza, malattia. Come un faro che illumini una notte di tempesta in mezzo al mare. Aiutando le barche a riconoscere dove sono, a non smarrirsi né disperare, per ritrovare la direzione giusta e rientrare nella pace del porto, a casa. Che bello allora pensare di poter accendere queste candele in casa nostra appena sentiamo avvicinarsi la burrasca di una lite, una fatica, di una crisi o un silenzio chiuso, un fraintendimento.

Accendere la candela, lasciarla li come segno, invocazione, vieni Signore Gesù, illumina quanto stiamo vivendo, donaci le parole e gli atteggiamenti giusti, mostraci il valore di quanto ci sta dividendo o mettendo contro…la tua luce ci aiuti a riconoscere la verità di noi e le cose fondamentali.

Allora sarà utile non solo per i temporali, come tradizione ma per i momenti di burrasca in famiglia, tra di noi. Ecco la luce che Gesù vuole portare, per aiutarci a guardare la realtà non in modo umano, orgoglioso, superficiale, ferito…ma come la guarda Lui, in modo divino. Noi siamo creati per quello, per diventare come Lui, illuminati, tra l’altro uno dei primi nomi con il quale i cristiani, non ancora chiamati così, venivano riconosciuti e indicati, gli “illuminati” appunto. Ricordate quei rosari di plastica fosforescente che si vedono al buio? Più si riempivano di luce, più poi al buio potevano illuminare. 

Siamo luce viva nella misura in cui ci lasciamo da Lui illuminare. Come quei piccoli rosari di plastica, chiediamo al Signore di lasciargli illuminare quello che siamo da dentro; solo così potremo illuminarci e risplendere a vicenda nel suo nome, come delle candele che portano a compimento la nostra salvezza. 

E Dio Padre mantiene sempre tutte le sue promesse.

Mandami il tuo curriculum… Omelia IIIa t.o. A-2020

Unknown.jpeg

 

Natale e incarnazione presepio bambino-fatto, 30 anni di lavoro anonimo immerso a Nazareth-fatto, battesimo-fatto, inizia o no la missione: del resto, son venuto per questo! Dunque…”convertitevi perché il regno è vicino.“Cambiate stile di vita. Interessante. il “salvatore”, deve salvarci.. “sono venuto perché abbiano la vita in abbondanza”..Gv., “sono la luce del mondo, la via la verità e la vita”, ci ricorda… bravo, e quindi? questo inizio che Matteo descrive ci dice 2 cose importanti:

1a) Non ha detto “desso son qua mi e me rangio, fasso UTO mi…” no. La chiesa nasce da qui e la comunione tra i battezzati è il primo biglietto da visita che le dà identità e credibilità. “Se sarete uniti vi riconosceranno”. Noi invece come nella 2a lettura vorremmo sempre dividerci ad ogni occasione: noi siamo di Paderno, noi di Merlengo, io faccio gruppo da sola, lui si arrangia, ognuno per sé e Dio per tutti, facile. Addio comunione, importante è fare a modo mio. Addio chiesa. Importante è la mia prestazione…o così o niente. Come venire a comunicarci però all’unico pane spezzato per noi? Se poi non ci interessa vivere in comunione che fa rima concretamente con collaborazione?

2a) E dove fa a prendere gli aiutanti?  in chiesa tra i devoti molto religiosi…no; in parrocchia tra i preti e gli impegnatissimi delle mille iniziative di aggregazione sociale…no! in seminario o nelle facoltà di teologia, bibbia, liturgia…no! nei santuari …no, nelle migliori aziende che selezionano esperti di comunicazione, strategie di marketing, esperti di PNL e problem solving..no, Né meriti né competenze, intanto. Sto insulso.

Ha iniziato a camminare in riva al mare e ha chiamato gente che stava lavorando, con famiglia a casa e preoccupazioni a carico. Questo ci dice il vangelo. Tutti gli apostoli, i 12, i primi convocati…sono dei lavoratori. E’ la loro vita non la loro religiosità ad interessare a Gesù. Ci abbiamo mai pensato? non sono puri, perfetti, nemmeno credibili (alcuni di essi, poi…) ma la loro umanità è lo strumento che Gesù sceglie.

Noi rischiamo da decenni di vivere il contrario. Siamo cristiani nella misura in cui si viene sempre in parrocchia a far tante riunioni, ciascuno per conto proprio, poi la messa, qualche altra performance…ma chi di noi sente di essere chiamato ad essere cristiano nel luogo di lavoro? Ad essere cioè differente…rispetto magari alla media. cioè dal lunedì al sabato, con quei colleghi, quel ritmo, quell’ansia e preoccupazioni, quelle mansioni e quei capoufficio. Lì siamo chiamati a far vivere una differenza cristiana. Una potenza di amore che solo il vangelo ci indica, lo Spirito Santo ci comunica e la risurrezione ci offre.

Allora la parrocchia sarà sempre meno palcoscenico ma più palestra, anzi autogrill, in cui accostare per fare il pieno e ripartire a vivere nel mondo, lavoro, famiglia, strada, lì dove il Signore ci invita a offrire la qualità di vita cristiana…provocando col nostro stile le persone a dire..ma come fai a viver così? profumo di vita

La domenica della Parola, che da oggi celebriamo nel mondo, voluta da Papa Francesco ci ricorda proprio questo. Da anni ascoltiamo ogni domenica almeno 3-4 pagine della Bibbia. Ci viene annunciato un preciso volto di Dio per noi; siamo chiamati a risciacquare di continuo la nostra percezione di lui e della fede dentro il vangelo, buona notizia di vita. Ci provochi, consoli, illumini. Quella salvezza che il Signore Gesù è venuto a portare passa anche attraverso la Parola che rivolge per convertire la nostra vita (1) e siamo chiamati ad accogliere come comunità. Non ci salviamo da soli, non serve essere individualisti, ma siamo affidati gli uni agli altri. La nostra umanità concreta è unico strumento che abbiamo per amare, manifestare di essere Suoi figli e vivere tra noi. Ecco la comunione della chiesa, il termometro della nostra fede, la luce che in un mondo solitario e individualista, possiamo ancora far brillare.

Che fai dopo lo scambio di pace? Omelia IIa to A-’20

IMG20180621103559959_900_700.jpeg

Polittico quattrocentesco dell’Agnello mistico dipinto dai fratelli Jan e Hubert Van Eyck.

——————

“Pace sia pace a voi la mia pace sarà nella terra come nei cieliii..”

“Nel Signore, io ti do la pace, pace a te…nel Suo nome resteremo uniti, pace a te…ecc.”

Canzoni allegre, vivaci, in genere poi seguite da un lugubre “Agnello di Dio”, quasi sbuffando, inevitabile.. “ma bisogna proprio farlo? C’è un così bel clima e questo rovina tutto…” 

Già, vediamo però di capirci meglio: la liturgia ci chiede come di rivivere il gesto che GvBattista compie nel vangelo. Lo indica. Anche il sacerdote sollevando l’ostia consacrata lo mostra e noi siamo chiamati a contemplarlo, (spesso invece siamo persi ancora a darci la pace, salutarci o a piegare il foglietto) e ripetere che quello lì è davvero per noi, il corpo di Cristo e come il Battista tre volte gli diciamo guardandolo “tu sei l’agnello di Dio”. In quel momento stiamo “dando del tu” a Gesù Cristo, lì spezzato per noi, stiamo parlando con l’eucaristia, col santissimo…altro che darsi la mano! Ce ne rendiamo conto? Questo ci serve a rinnovare la coscienza del gesto che si sta per compiere, del dono da ricevere e accogliere, dell’Amen (è così!) che siamo chiamati a dire.

Ci sono almeno due allusioni precise:

    1) L’evangelista ben conosce il profeta Isaia che parla del messia come agnello mite, condotto al macello, che portava il peccato di molti e intercedeva per i peccatori; il Battista allora sta dicendo che Gesù si farà carico di tutte le miserie, colpe, i peccati delle persone con la sua mitezza…non eliminerà il male, nessuna amnistia, ma lo vincerà introducendo nel mondo una forza diversa, un nuovo dinamismo, la potenza del Suo Spirito, per scegliere liberamente e nella verità una vita piena, per il meglio di sé. 

 La logica del granello di senape, del lievito, della fedeltà al poco possibile qui e ora, toglierà al peccato la possibilità di attecchire.    

    Ad esempio: sapete che faccio dei miracoli? Quando entro in un locale pubblico o incontro delle persone riesco spesso a trasformare il modo di parlare di alcuni; ad esempio quando la parola cane diventa per miracolo caro. E’ solo la mia presenza a far accadere, non sempre, questo prodigio.     Solo una persona diversa dà al “branco” una coscienza diversa di sé. Sarà successo anche a voi, me lo raccontate, quando in spogliatoio, al lavoro o tra amici, uno si distingue magari perché vorrebbe evitare meschinità, chiacchiere malevole, richiamare il tono dei discorsi, non bestemmiare o parlare di persone come di oggetti…è solo quella vostra presenza, (perché vi riconoscono come cristiani, sempre in parrocchia o de ciesa) uno stile alternativo alla media, che fa sentire gli altri come in dovere di scusarsi, giustificarsi o prendere le distanze!  Solo un agnello fa sentire bestie, lupi, gli altri, nel branco, in preda di discorsi o atteggiamenti che li stanno disumanizzando; quella presenza alternativa provoca qualcuno a chiedersi “ma cosa stiamo facendo?”la salvezza, l’umanizzazione, iniziano così. Ecco la nostra fede: quell’agnello di Dio ci parla di noi, chiamati a far percepire una differenza cristiana di vita.  

    2) È l’agnello pasquale, quello che Mosè ordinò al popolo di mangiare la notte di Pasqua, per avere la forza di mettersi in cammino verso la liberazione dalla schiavitù in Egitto e il cui sangue, sugli stipiti delle porte, avrebbe salvato gli ebrei della morte. Quindi Giovanni vede in Gesù l’agnello di Dio, la cui carne darà la capacità e la forza di iniziare il cammino di verità verso la liberazione, e il sangue, che non salverà dalla morte fisica, ma da quella definitiva. Consentirà a chi lo accoglie una qualità di vita in grado di superare la morte. In genere la chiamiamo “eucaristia” e per questo veniamo a fare la comunione con quel corpo: per riconoscere che ciò di cui ci stiamo per nutrire è Cristo e che ne abbiamo bisogno per restare o diventare ancora più umani.

 La messa ci invita ad assimilare quanto stiamo celebrando. Partendo da quello che siamo, non da come dovremmo essere o dimostrare, mangiamo quell’agnello per assimilarne lo stile di vita e diventare come lui, avere il suo sguardo sulla realtà, la sua potenza di amore, scegliere di innovare la nostra vita nella giustizia, nella misericordia, l’impegno, il dialogo, riconoscerlo come la verità di ciò che siamo. Questo stile fa crescere il regno di Dio e toglie il peccato del mondo. C’è infatti un peccato che precede la venuta di Gesù e rappresenta un ostacolo alla comunicazione tra Dio e l’umanità. É una mentalità al ribasso, indifferente, che basta sempre a sé stessa: il rifiuto dell’offerta di pienezza di vita che Dio ci offre, la sua salvezza, ed è causato dall’adesione a un sistema ideologico, religioso sempre contrario alla volontà di Dio padre buono per noi suoi figli.

   Ci viene infine detto di fronte a questo agnello, di essere beati perché “invitati a questa cena” e così possiamo tutti, primo chi vi parla, dire l’unica cosa importante anzi fondamentale da riconoscere, rubando le parole al centurione romano mentre guarda Gesù stupito e bisognoso..

O Signore, io non sono degno di partecipare alla tua mensa ma dì soltanto una parola ed io sarò salvato.

Sia questo il primo segno di pace da accogliere dentro di noi.