XIa Domenica T.O – B

(Tempo di lettura previsto: 3 minuti)

In Ascolto del Santo Vangelo secondo San Marco 4, 26-34

Gesù diceva alla folla: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra». Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

Quante volte abbiamo avuto la sensazione di perdere tempo, di aver sprecato risorse e opportunità, energie e passione; la certezza che non ne valesse davvero la pena, non sarebbe cambiato nulla, che avremmo potuto fare molto di meglio, essere diversi, contare su altro.
Che non meritavamo tutto questo…avremmo potuto fare meglio o evitare il peggio. Ci siamo sentiti sbagliati, inutili, frustrati, schiavi.
Forse anche il contadino del vangelo, dormendo o meno, si è sentito così.
Penso a chi è chiamato ad educare: genitore, insegnanti, maestre, allenatore, amico… che sguardo abbiamo lasciato su quel “Pierino” a cui non avremo dato un centesimo.
O che ci aveva sfiniti.
Eppure …
Pensare anche..forse..a quanta pazienza il buon Dio abbia con ciascuno di noi e cosa “pensi” quando…non …oppure…siamo..facciamo…diciamo…e invece…
Attendere… tendere verso. Seminare con consapevolezza. Il buon seme è la Parola o un atto ispirato ad essa. Quando ci pare poco o..basta…e invece…
Custodiamo con cura queste due parabole e questo Gesùùùùbbbeelllo gentile che si lascia suggestionare da tante piccole cose che diventano catechesi e insegnamento…perché ha a cuore che si capisce e viva un qualcosa in più.

Annunci

Xa Domenica T.O – B

(Tempo di lettura previsto: 5 minuti)

In Ascolto del Santo Vangelo secondo San Marco 3,20-35

Entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare.
Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».
Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni».
Ma egli li chiamò e con parabole diceva loro: «Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna». Poiché dicevano: «È posseduto da uno spirito impuro».
Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».

Ma come, pure il commento volete? rileggete la pagina, qua sopra, che ogni volta lo scrivo sgammo qualche ignavo che viene subito a spulciare direttamente il commento saltando il vangelo…somari!!
Pure il commento, volete? non vi basta un vangelo così? alcuni passaggi andrebbero contestualizzati, altri spiegati ma…
chi sono i protagonisti?
i suoi…cioè i suoi cari, quelli a lui vicino, amici, discepoli forse…..quelli che più gli vogliono bene: per loro è impazzito.
Quante volte anche nelle nostre parrocchie le persone a Lui più vicino, pensando di essere nel giusto e volergli bene…in realtà fraintendono tutto? e fanno danni, pur in buona fede? vivono di buon senso, di tradizione, di “come ci hanno insegnato”..ma non di vangelo. Mai una buona notizia…da loro..
Poi ci sono gli scribi … quelli studiati, gli addetti ai lavori, quelli che sanno tutto e partono perfino da Gerusalemme… per vedere cosa succede ciò!e dicono non che è fuori ma posseduto, indemoniato, il nemico insomma…. per cosa poi?
Infine, dulcis in fundo, arrivano mamma e famigliari..cugini parenti vari…esigendo che esca. Bellissimo.
Un caso di stato ha tirato su, Gesùùbbbeeelllo.
Vogliamo parlare della risposta? si, parliamone. Ci riguarda. Sta parlando anche di te che stai leggendo questa Goccia…
come ci si sente a sentirsi guardare così? la tua vita, pur vagamente appassionata del vangelo e della sua volontà..vale più di Maria e dei suoi famigliari…
interessa?

Santissima Trinità – B

(Tempo di lettura previsto: 3 minuti)

In Ascolto del Santo Vangelo secondo San Matteo 28, 16-20

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato.
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

La Trinità non è un accessorio. Un optional devozionistico a cui scegliere di credere… perché tanto basta credere in “Dio” o pregare la madonna perché è una mamma e mi capisce….o mandare i bacini a Gesù.. per non dire di quelli che non si accontentano dei tre qui sopra ma… si limitano -giustificandosi- che son (solo) tanto devoti a san qui, san là, padre su o padre giù…
o anche peggio chi fa la macedonia teologica e li prega tutti in ordine sparso…
Non è nemmeno un dettaglio. Ce lo dice da una vita, forse senza successo, il nostro segno di croce.
Il Dio rappresentato dal triangolo, il gesto della benedizione. 3 non 1.
Dio, tutte le volte che lo diciamo è … è solo, come dire…il cognome. C’é un Padre, un figlio Gesù Cristo, che ci viene a cercare per stare con noi, farci vivere Dio come un Padre e non come viene a noi, c’é uno Spirito che è l’amore che li lega e ci permette di sintonizzarci. Sono una famiglia per certi versi irregolare ma ben disposta… tutta brava gente.
Di cognome fanno …”Dio”. Uno e trino. Una famiglia, una relazione d’amore in cui contemplarsi.
Nel cui nome fare….. il segno della croce ce lo ricorda. Fisicamente con la mano ci tocchiamo fronte, spalle, pancia, i 4 segni cardinalinordestsudovest.. tutta la vita ed il corpo..
insomma ci lasciamo inserire, accogliere, accompagnare dentro questa relazione, incontro, fede.. un gesto di comunione, inclusione, complementarietà e corresponsabilità.
Ognuno fa qualcosa, gira il tutto.
Pensiamoci quando facciamo il segno della croce…o ce la tatuiamo al braccio o ci mettiamo catenina e orecchini….o appena alzati, davanti al cimitero, in chiesa o a casa..
siamo gente di famiglia.

COMMENTA!