IIa di Quaresima – Anno A

attachment

“Waiting for a sunny day”  
Bruce Springsteen da “The Rising” (2002)

Sta piovendo ma non c’è 
nemmeno una nuvola in cielo 
dev’essere una lacrima quella 
che scende dai tuoi occhi 
tutto andrà bene 
divertente, pensavo di aver sentito 
una dolce brezza estiva 
ma devi essere tu che sospiri profondamente 
non ti preoccupare, troveremo un modo 
(per risolvere la situazione) 

sto aspettando, 
sto aspettando un giorno di sole 
per cacciare via le nuvole 
aspettando un giorno di sole 

senza di te, sto lavorando 
con la pioggia che scende giù 
sono metà della festa in una città 
che ha un solo cane 
ho bisogno di te per 
cacciare via questa tristezza 
senza di te, sono un batterista, ragazza 
che non riesce a tenere il tempo 
un furgoncino dei gelati su una strada deserta 
spero che tu stia venendo per restare 

sto aspettando, 
sto aspettando un giorno di sole 
per cacciare via le nuvole 
aspettando un giorno di sole 

tempi duri, tesoro, beh, verranno tutti da noi 
certo come il ticchettare dell’orologio sul muro 
certo come il cambio della notte in giorno 
il tuo sorriso, ragazza, 
porta la luce del mattino nei miei occhi 
leva via la tristezza quando mi alzo 
spero che tu stia venendo per restare 

sto aspettando, 
sto aspettando un giorno di sole 
per cacciare via le nuvole
aspettando un giorno di sole

http://www.youtube.com/watch?v=OAxm_GSM7L4&feature=kp

In ascolto del Vangelo di S. Matteo 17, 1-9
Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.
Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Solare: una delle scelte più gettonate in un gruppo di studenti adolescenti a scuola o ai vari gruppi.
Si propone magari un’attività sulla scoperta o riconoscimento dei propri pregi e qualità personali.. tema arduo nel magma caotico dell’adolescenza, tra una battaglia all’autostima e un sentirsi soli contro tutto. E tutti. E che ne esce?
Oltre a “simpatico” e “disponibile” spesso le ragazze magari si percepivano “solari”. Non sanno cosa dire di sè, per la maggior parte dei casi, allora si arrampicano su parole vaghe, in qualche modo “politically correct”.. e arrivano a definirsi solari.
Magari hanno sempre il muso e sono tristi e smunte.. ma mi faceva sorridere.. il pensarlo.
Si percepiscono “solari”, sentendo che in questa parola c’è forse più un desiderio recondito di esserlo che una consapevolezza piena ..
Solare sa di serenità, uno sguardo luminoso,  mitezza ed equilibrio interiore perfettamente riflesso sui volti. Sa di primavera, di pienezza e carismatica percezione di sè e degli altri, purezza, trasparenza, verità.. qualcosa che è bello guardare o meglio.. contemplare!

Che c’entra? Si chiederà qualcuno, col vangelo di oggi.
Lo so.. la trasfigurazione.. pagina famosa quanto misteriosa.
“Il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce” .. dice il vangelo.
Ammetto che ho sempre fatto un po’ fatica a comprendere questa pagina. Ma mi fa bene, mi metto il cuore in pace.
Va contemplata forse, più che capita. Va accolta come un simbolo, come un gesto artistico tra Padre e Figlio a cui partecipano chissà perchè i 3 eroi dei discepoli..
Va gustata, senza magari volerne per forza estrapolare delle applicazioni morali o degli orientamenti di fondo. Non serve fare niente.
E’ come se stessimo sbirciando dalla serratura un momento di intimità della vita spirituale di Gesù. Era davvero raggiante, solare.. come vorrebbero essere alcune nostre adolescenti.. e forse anche noi.
Un sorriso solare, uno sguardo solare.. ci fanno bene, scaldano il cuore, ci lasciano giusto un sapore di buono, di pace.. e forse anche una sottile eco di sana invidia.. perchè quello è una sorta di carisma che non tutti abbiamo, ma tutti vorremmo avere.. o essere. Non so.
E’ bello e basta e ben sappiamo che le cose belle per fortuna son destinate a passare.. lasciandoci migliori.
Fortuna che Pietro non aveva l’iphone con sè e quindi non si son potuti fare nessun “selfie”.. nessun autoscatto con Gesù trasfigurato alle spalle assieme a Mosè ed Elia sorridenti..
Se ne sono scesi in fretta, forse in malo modo.. più o meno convinti o motivati.
Speriamo almeno, più solari. Come noi?

COMMENTA!

Annunci

2 pensieri su “IIa di Quaresima – Anno A

  1. ssss

    loro …avevano visto qualche cosa di …cosi bello che non era nemmeno …immaginabile …e cosi’ hanno avuto paura…ne piu’ e nemmeno di sempre …sono stati cosi stupidi da buttare la faccia a terra…il rifiutare cio’ che di bello ci viene offerto !

  2. L’unica cosa che viene in mente anche a me è di pensare allo stato d’animo dei tre dopo un’esperienza del genere. Chissà come si sentivano; più contenti? Più motivati? Più credenti? Chissà… Vivere la prova concreta e tangibile di quello che “c’è in ballo” con Gesù non deve essere stato tanto semplice. A me forse sta consapevolezza farebbe venire più ansia da prestazione che altro. Ecco, credo che mi sentirei così… in ansia, perché avrei la misura (per quanto insufficiente) di quello che c’è in gioco seguendo Gesù fino in fondo. Mi sentirei inadeguato, inadatto e forse bene farebbe Gesù a dirmi di non parlarne con nessuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.