Ia di Quaresima – Anno A

carne

Per capire la Goccia di oggi suggerisco questo video benefico e concreto..

video

In ascolto del Vangelo di S. Matteo 4,1-11
IAllora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio».
IAllora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra».
IGesù gli rispose: «Sta scritto anche: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo».
IDi nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vattene, Satana! Sta scritto infatti:Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto».
Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco, degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano.

Innanzitutto avviso che nel blog da cui parte la Goccia (visitate il blog!) potrete trovare, sotto l’immagine di “AdDio?” a destra, i file video per rivivere l’incontro su morte e vita eterna, prospettiva cristiana di qualche settimana fa.. diversi mi hanno chiesto di darci una occhiata. Ora c’è tutto! Buona visione.
L’intervento del Dottor Colusso, medico e psicoterapeuta, chiarisce alcune attenzioni da avere nella rielaborazione di un lutto e le altre testimonianze.. fanno bene al cuore!

Eccoci con un’altra QUARESIMA: che vi viene in mente?
Prosciutto, porchetta, salame e bistecca.. pesce, digiuno, carni bianche; meno caffè, niente dolci.. digiuno, sacrifici, astinenza.. bene!
Queste cose hanno un enorme valore pedagogico e simbolico.
Ne sono convinto. Siamo liberi, adulti.. non viene meno la nostra vita spirituale se un venerdì mangeremo la prosciutto e funghi in pizzeria..
Ma abbiamo comunque bisogno di segni concreti che.. insomma qualcosa possiamo anche dominare e sapremo rinunciarvi senza dover subito razionalmente dirci liberi, emancipati o.. Altrimenti rischiamo a parole di essere liberi, ma in pratica poi non rinunceremo concretamente a nulla.. se non a parole, propositi o dichiarazioni.. intellettuali o pseudo spiritualistiche..
Eppure a me.. piuttosto di tutte queste rinunce, questi sacrifici, questa ascesi (che significa “esercizio”..) piacerebbe coltivare qualche esercizio in positivo.
Vorrei provare a rinunciare non al prosciutto o alla crema catalana, ma piuttosto al
“non ho tempo, non son capace, non so come si fa.. non ho voglia e ci sto bene lo stesso..”.
Mi piacerebbe potesse essere una quaresima di SI piuttosto che No.
Un bel SI generoso e coraggioso.. a scegliere un po’ di silenzio, magari togliendo le cuffie, spegnendo la radio in auto, chiudendo la tv a tavola.. ad una visita in chiesa prima di rientrare al lavoro o di andare a scuola..
Un SI al mettere in ordine un po’ nella mia vita.. ad un buon libro di spiritualità da farsi consigliare..
Un SI a trovare il tempo per rimettere in discussione il proprio NO al sacramento della riconciliazione.. a trovare il tempo per magari partecipare alla Via Crucis o alla messa durante la settimana.. anche se andrò a messa con gli animati o coi ragazzi domenica..
A trovare il tempo il giovedì in Duomo per l’adorazione eucaristica alle 18, prima della messa..
A trovare il tempo per prepararsi bene alla riconciliazione e non arrivare alle 19 del Sabato Santo di corsa.
A trovare il modo per confrontarsi con calma con un Padre Spirituale scelto e voluto come compagno di viaggio.. per camminare davvero, non quando ho vogliamisentoononcelafacciopiùevengoavomitaretutto..
A provare a pregare dando del TU a Gesù, non dicendo le preghiere la sera o stordendo diogesùcristoelamadonna di pateravegloria….
Oppure potrei prendermi l’impegno di un sms al giorno o una breve telefonata.. per salutare una persona che non sento da tanto tempo, solo per farla sentire cercata, importante, preziosa. Per dirle che le voglio bene e non è scontato.
Oppure potrei provare a salutare ogni giorno per primo, ad andare incontro a quel collega o compagno di classe che sta antipatico a tutti, potrei spegnere il pc e andare fuori a giocare con mio figlio, potrei cercare di recuperare una relazione con un parente.
Insomma.. agire, piuttosto che rinunciare.. che comunque significa rinunciare a qualche barriera, muro o roccaforte in cui mi son ormai fissato.
Vivere tutto in relazione con Lui.. per non assecondare le tentazioni di apparire, avere, potere.. che questa grande pagina di Matteo, ci offre.
Abbiamo voglia di provarci?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.