IIa Domenica di Quaresima – B

(Tempo di lettura previsto: 5 minuti)

 

“La bellezza, senza dubbio, non fa le rivoluzioni. Ma viene un giorno in cui le rivoluzioni hanno bisogno della bellezza.”
(Albert Camus, L’uomo in rivolta, 1951)

 

 

240215_g

 

In ascolto del vangelo secondo San Marco 9, 2-10

Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

 

“Fu trasfigurato”.. significa, verbo al passivo, che ha ricevuto questo “dono”.
Questa pagina viene chiamata “Trasfigurazione”, dal gesto di Gesù. Lo so, ci sono icone bellissime e dipinti figurativi molto efficaci…ma questo libro voleva solo strappare un sorriso e farci pensare…. Ma di che stiamo parlando, alla fine? Non so voi ma mi sembra un momento più da contemplare che da comprendere.
E’ Dio ad averlo voluto e procurato. E’ un gesto non utile.
Mi dicono ci sia un bel libro sull’utilità delle cose inutili, no G.? Siamo su questo piano.
Comunque.. non è solo una questione di vesti candide.. ma il volto trasfigurato.. cioè quasi trasformato dalla bellezza.
Non abbiamo presente tutti almeno una volta, di aver notato un sorriso splendente e che ci faceva pensare a quella persona come particolarmente felice e in pace? Siamo su questo piano.
Allora mettiamoci tutti alla scuola di Pietro: che, al di là del voler fermare (trattenere?) lì la bellezza volendo fare le tre tende (oggi avrebbe proposto un selfie, forse..) esprime una cosa molto importante.. in quel suo “E’ bello per noi”..
Ma noi, carissimi, quante volte lo abbiamo detto?  Ci è mai sgorgato spontaneo e dirompente dal cuore?
Perchè non ce lo chiediamo, ravanando dolcemente decisi nel nostro passato di fede cristiana? (Messe, sacramenti, catechesi, esperienze formative, matrimoni, funerali, panorami, volti, discorsi..)
Allora.. Nella tua vita.. quando ti è scappato, (pregando, meditando, vivendo) .. un..
“Che bello essere cristiano” (essere amato, prezioso, unico, fortunato..)
Nasca nei nostri cuori questa memoria buona anzi bella e trasformiamola in gratitudine..

COMMENTA!

 

Donati un po’ di tempo PER TE STESSO, per fare silenzio, per staccare, per lasciarti raggiungere Una buona volta, senza scuse.. per la bellezza, per “gli ultimi”, per DIO.. un abbraccio e.. prega per me!
Grazie, don mt

barca1x

Annunci

4 pensieri su “IIa Domenica di Quaresima – B

  1. Bruna

    Gli apostoli quando videro Gesù trasfigurato,forse compresero per la prima volta cosa fosse davvero la bellezza:essa è un dono di Dio.Oggi siamo abituati a vedere tante immagini,ma purtroppo non siamo più educati a guardare la bellezza delle cose che ci circondano,i nostri occhi sanno solo vedere l’ utile.E’ bello per mè quando attraverso la bellezza l’ accoglienza,la gioia,il sorriso spontaneo posso vedere il fascino di Dio.Grazie Bruna.

    La bellezza è un riferimento al divino
    è un dono in più aggiunto dal creatore.
    Francesco Alberoni.

  2. Maria Grazia Piva

    Mi è capitato,a volte,di entrare in una chiesa,mai vista prima,e di sentirmi “a casa”.Una sensazione molto bella,un respiro profondo per assaporarne l’odore,odore buono,odore “bello”.Quella è la casa di chi mi vuole bene,di chi non mi fa mai sentire sola,di chi mi dona serenità.
    Maria

    1. Maria G.

      Dopo la resurrezione,Gesù appare alle pie donne,ma subito non lo riconoscono,e neanche gli apostoli,quando il Maestro si avvicina a loro mentre stanno cuocendo il pesce sulla riva del lago,nè
      i discepoli di Emmaus con cui cammina a lungo…Mi è stato detto da un sacerdote che il suo volto era trasfigurato.Vorrei approfondire.Grazie
      Maria G.

  3. Roberta

    Dal deserto, dalla sabbia, dalla terra per poi arrivare sopra un monte alto; dall’alto dove le cose possono essere viste da un’altra prospettiva. Mi immagino una luce accecante, luminosissima, quella di un Dio che si è fatto uomo, ma che resta Dio: mistero irraggiungibile. “Rabbi, è bello per noi essere qui”. E’ bello vivere! E’ bello vedere la luce negli occhi di mia figlia innamorata è contagioso; è bello vedere i ragazzi del catechismo che ascoltano e meditano la storia di re Davide; è bello quando si prega in famiglia. E’ bello quando dopo un ritiro fatto insieme a mio marito, gli atteggiamenti cambiano, si modificano. Sono quei gesti che danno voce a ciò che durante il ritiro si è insediato nel cuore grazie alla Parola e a parole condivise in gruppo. E’ bello quando ti rendi conto che i gesti gratuiti sono quelli che indicano la strada dell’autenticità per un cristiano. E’ meno bello quando qualcuno ti fa notare: “cosa perdi tempo per la parrocchia, perchè vai agli incontri di formazione….se continuavi a lavorare avresti fatto carriera”. Ma è bello scoprire che io son felice così. Mentre chi mi dice questo, continua a rimurginare che la sua vita non è stata proprio quella desiderata e allora…vuole rifarsi con la mia! “spiacente, ho detto un giorno, non sono al mondo per accondiscendere le aspettative di nessuno e neanche perchè gli altri possano vantarsi di ciò che faccio”.
    E’ bello cominciare a vivere quella speranza che quando la vita terrena finirà, ne comincerà un’altra nei cieli. Come alimento questa speranza? “Ascoltatelo”, mi dice il Vangelo. E’ bello l’ascolto della Parola che mi rivela così tanto di come son fatta, alcune volte mi arriva come un pugno nello stomaco per svegliarmi dal torpore e mi dice: “sei proprio tu, sei fatta così, ma non temere IO ci sono”.
    Vivo tante volte quanto sia immensa la forza della preghiera, dei sacramenti e dell’accompagnamento spirituale. Insomma, voglio dire come è possibile che in confessione parli del rapporto difficoltoso con una persona che proprio non sopporti e….succede che quella stessa persona un giorno ti dice quella frase che ti cambia la giornata in positivo. E tu dici:”non me l’aspettavo”. E cominciare a sentire nel cuore che il tuo, il mio era un pregiudizio bello e buono. Io per pregiudizio non ho voluto donarmi a lei, lei è venuta da me. E com’è che, come è successo lo scorso anno, prego per mia figlia che vedo scontenta, svogliata e ad un certo punto mi dice: “mamma voglio cambiare scuola”. Cavoli, mi son detta, non è che la cosa mi andasse troppo bene. Ma poi ho pensato:” se ci ho pregato su questa cosa, ho pregato che trovasse la sua strada, perchè non partire da qui?”. E così è stato.Guardare le persone da “un alto monte” quello del sacramento della riconciliazione, della preghiera non per superiorità ma per umiltà nel dire che i nostri pensieri sono alle volte miseri e nel desiderio di affidarsi. Poi alle volte ci si mette anche lo Spirito Santo, quando ad esempio per una serata con i ragazzi delle medie abbiamo preparato un video, che senza saperlo era praticamente la predica del don. E quando soffia soffia eh! E poi alcune volte le senti le persone, le vivi con un’intensità che neanche ti sembra possibile avere, senti la gioia, il dolore, senti le necessità. La fregatura è quando a queste persone non interessa il tuo interessamento; allora passo indietro, chiedere forza per accettare il rifiuto.
    Qui allora mi torna buona l’immagine del Vangelo: “Non videro più nessuno, se non Gesù solo con loro”. Ed è come avere tutto.
    Grazie
    Roberta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.