“ Farsi voce..” – Omelia IIa Domenica Avvento – C

Ripenso a quando, al liceo, studiando, non avevo voglia di ripetere “a voce alta”. Pareva sufficiente ripetere “a mente”.
Ma in realtà lo sapevi che solo chiudendo quel maledetto libro e ripentendo “a voce alta..” avresti capito che in realtà.. non avevi ancora capito nulla.. solo ripentendo così.. avresti capito davvero se le cose le sapevi o immaginavi di saperle.
Dare voce ai senza diritti, dare voce a chi non ne ha, essere portavoce, fare la voce grossa, alzare la voce, farsi voce, essere la voce di..
Il Battista si fa voce. La Parola sta arrivando, ma le serve una voce, umana, concreta, ordinaria.. anche poco impostata e senza dizione..
Il contenuto lo mette Lui, noi gli diamo voce; ricordiamo quando ci assicurerà ne di preparare prima la nostra “difesa in tribunale” ne di spaventarci perchè non sappiamo che dire.. perchè lo Spirito Santo parlerà per noi?
Bello. Essere cristiani significa, questa domenica, riconoscere che siamo chiamati a farci voce. Anche nei deserti delle nostre fabbriche, classi o famiglie. Perfino nelle nostre coscienze. Come accade questo? Nella misura in cui ci lasciamo stupire dalla Parola. Mettendoci in ascolto. Non è scontato. Sentiamo il vangelo.
La Parola “venne su”.. sopra… bellissima immagine: la Parola viene quasi impersonificata. La Parola si é fatta carne, diremo a Natale.  Una presenza che ad un certo punto “abita” il Battista: lo riempie, lo coinvolge. E’ in relazione con lui e Gli chiede di traboccare fuori verso il mondo.
Come nella festa di martedì prossimo.. Maria farà spazio al figlio di Dio in lei, così il Battista fa spazio nella sua vita concreta al Signore che viene nella Parola, accoglie il suo messaggio e si fida, sente che può dare uno stile nuovo alla propria esistenza. Ci invita a imitarlo. Certo.. è voce di uno che grida.. nel deserto.
L’avvento ci offre dei compagni di viaggio: martedì Maria, oggi il Battista: ci invita a preparare la via al Signore. Siamo noi che prepariamo il Natale o Lui che vuole preparare i nostri cuori ad accoglierlo? A svegliare le nostre esistenze pigre,  impaurite e preoccupate, per non dire a volte disperate o indifferenti.
Sappiamo chiamare per nome i nostri deserti? Parti della nostra vita in cui non c’è più gusto, deserto é solitudine, aridità, fatica, disorientamento, perdita..
Forse l’unica cosa a poter dare ancora senso e spessore a questo Natale.
Magari prima di riempirci casa e agenda di cene, regali, luminarie e tanto altro.. potremmo cercare  di rendere accogliente il nostro cuore e la nostra vita.. per fare spazio al festeggiato.
Il nostro cuore sarà una mangiatoia accogliente? Capiente?
Cosa occupa posto prezioso in noi, rubandolo al Salvatore?
Burroni, monti, colli.. vie tortuose, impervie..
Immagini forti ed evocative per dire la nostra vita..
Le sue voragini ed i suoi vuoti, i bisogni spasmodici ed impellenti..
Le strade in cui ci siamo andati a cacciare o siamo in panne..
I viottoli che ci affaticano, in cerca di panorami effervescenti..
I vicoli da cui non sappiamo più uscire..
I monti che ostacolano davanti a noi la speranza di uno sguardo, il respiro di una prospettiva, il germogliare di qualcosa di nuovo.. ci sbattiamo addosso.. e basta.

Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio. Il testo originale è “ogni carne” bellissimo: la carne é debole, si dice no? Carne significa la persona in tutti i suoi aspetti di fragilità, le ferite e debolezze, nei suoi fallimenti, nella solitudine e nell’abbandono, é la nostra carne ad ammalarsi, invecchiare, farci soffrire, vulnerabile o volubile. Questa é la nostra storia personale, ciò che ci ha fatto vivere o morire, soffrire o sperare, quel che ci fa andare avanti o arrancare. Non la dobbiamo ne dimenticare ne vergognarcene. Mai. Qui e solo qui il signore Gesù vuole venire ad abitare portando salvezza.. non anestesie che almeno a Natale fingeremo vada tutto bene. Questa carne può farci raggomitolare in noi stessi almeno con la soddisfazione di un natale narcotico di evasione.. oppure farci alzare il capo e offrire, questa nostra carne, la nostra vita, la nostra storia.. perchè la Parola venga su di essa, il Cristo la abiti e le dia speranza e senso. Nessuno, se lo vorrà, sarà escluso da questa sua salvezza. Essa inizia dal nostro cuore. Abbiamo bisogno di anestesie o di libertà? Dio vuole abitare e condividere le nostre esistenze.. continuiamo a invocarlo in questo Avvento perchè venga ad abitare in mezzo a noi donandoci la piena consapevolezza che é solo offrendogli questa nostra carne che troveremo la libertà e la pace.. e non sono per un giorno.. fosse anche quello di Natale.

Noi cristiani, il Natale, lo possiamo vivere tutti i giorni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.