Domenica IIIa di Avvento 2018-C

Dollarphotoclub_85341179.jpg

 

Tempo lettura previsto: 4 minuti

In ascolto del Santo Vangelo secondo Luca 3,10-18

In quel tempo le folle interrogavano Giovanni, dicendo: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto». Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato». Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe». Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile». Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.

Giovanni Battista non è Gesù, lo sa bene, può nemmeno slacciargli i sandali (immagine straordinaria!) eppure “evangelizza” il popolo. Il vangelo mica esisteva, Gesù deve ancora comparire in scena…anche in questa pagina. Mica è presente o parla Gesù. E’ bella la liturgia (e ancora il Nuovo Testamento) che ci parla di Lui quando ancora non c’è. Sta arrivando. I testi ovviamente sono scritti postumi…e hanno quindi sapore di ricordo e catechesi… Tre gruppi di persone si rivolgono al Battista. Mi piace notare che non ci sono né preti-suore, né catechisteanimatoricapiscoutcorisagreecc. ecc. insomma non ci sono gli “operatori di pastorale”..forse impegnati altrove? Può darsi. Qui il Battista ha a che fare con gli affamati …tre categorie diverse di persone, ciascuna riceve delle dritte scomode su come comportarsi. I pubblicani, esattori delle tasse che lavoravano con gli invasori romani facendo la cresta e odiati da tutti i loro compaesani; i soldati, forse corrotti, pronti ad approfittare e ricattare come può accadere…per dare sicurezza, evitare controlli ecc.; folla e popolo (bue?); la domanda risuona triplice quasi in dolby surround: che cosa dobbiamo fare? non è forse una domanda veneta ma esistenziale. La fede ed il suo riscontro sono pratici. Non sociali anche se è nel sociale che si misura tutto. Condivisione sincera e leale, giustizia nuda e cruda, non abusare del proprio potere,  bene comune da perseguire, sobrietà reale e luminosa. Insomma…accorgersi. Quanto mi piace questo verbo…accorgersi e agire di conseguenza. Buon avvvvvvvento. Un vento che spazzi via un po’ di zavorre inutili che rischiano di farci la sbornia di tutto tranne di quel che serve davvero.

COMMENTA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.