Immacolata Concezione B.V. Maria – Anno A

“Nel Grembo umido, scuro del tempio,
l’ombra era fredda, gonfia d’incenso;
l’angelo scese, come ogni sera,
ad insegnarmi una nuova preghiera:
poi, d’improvviso, mi sciolse le mani
e le mie braccia divennero ali,
quando mi chiese – Conosci l’estate
io, per un giorno, per un momento,
corsi a vedere il colore del vento.

Volammo davvero sopra le case,
oltre i cancelli, gli orti, le strade,
poi scivolammo tra valli fiorite
dove all’ulivo si abbraccia la vite.

Scendemmo là, dove il giorno si perde
a cercarsi da solo nascosto tra il verde,
e lui parlò come quando si prega,
ed alla fine d’ogni preghiera
contava una vertebra della mia schiena.

(… e l’ angelo disse: “Non
temere, Maria, infatti hai
trovato grazia presso il
Signore e per opera Sua
concepirai un figlio…)

Le ombre lunghe dei sacerdoti
costrinsero il sogno in un cerchio di voci.
Con le ali di prima pensai di scappare
ma il braccio era nudo e non seppe volare:
poi vidi l’angelo mutarsi in cometa
e i volti severi divennero pietra,
le loro braccia profili di rami,
nei gesti immobili d’un altra vita,
foglie le mani, spine le dita.

Voci di strada, rumori di gente,
mi rubarono al sogno per ridarmi al presente.
Sbiadì l’immagine, stinse il colore,
ma l’eco lontana di brevi parole
ripeteva d’un angelo la strana preghiera
dove forse era sogno ma sonno non era

– Lo chiameranno figlio di Dio –
Parole confuse nella mia mente,
svanite in un sogno, ma impresse nel ventre.”

E la parola ormai sfinita
si sciolse in pianto,
ma la paura dalle labbra
si raccolse negli occhi
semichiusi nel gesto
d’una quiete apparente
che si consuma nell’attesa
d’uno sguardo indulgente.

E tu, piano, posati le dita
all’orlo della sua fronte:
i vecchi quando accarezzano
hanno il timore di far troppo forte.

(Il Sogno di Maria, da “La Buona Novella” – Fabrizio De Andrè, 1970 )

 
_annunciazione
(Annunciazione – Comunità di Taizè, France) 

In ascolto del Vangelo di Luca 1, 26-38
Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: “Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te”.
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: “Non temere, Maria, perchè hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”. Allora Maria disse all’angelo: “Come avverrà questo, poichè non conosco uomo?”. Le rispose l’angelo: “Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio”. Allora Maria disse: “Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”. E l’angelo si allontanò da lei.

La serva del Signore.
Cioè? La cameriera? Dio cercava la colf?
Che significa essere la serva? Quant’è sgradevole questa espressione.. mon Dièu..
Nessun sindacato in subbuglio, nessun genitore a recriminare i diritti degli ultimi o presunti tali, nessun giornalista scandalizzato, nessun esperto contattato a chiarire questo estremo gesto di disprezzo di sè, nessuno psicologo mass mediatico tuttologo convocato a denunciare e commentare una tale auto accusa di disistima
forse un’atavica incomprensione col papà o una ripugnante identificazione con la mamma introiettando qualche senso di colpa.. la serva.. servire.. essere utile.
Io ti sono servo.
Io ti servo. Ma non come cameriere.
Io ti servo a qualcosa.
Maria si sta affidando al sogno di Dio nei suoi confronti.
Dio le sta dicendo che ha bisogno di lei. Lui che ha creato il mondo in 7 giorni.. per creare l’uomo, suo figlio, ha bisogno di una donna, di una storia, di un luogo, di uno spazio e di un tempo, di una famiglia, una educazione, una tradizione, un ecosistema, una cucina e un cortile per giocare, un pozzo per fargli il bagnetto e chissà cos’altro.
La serva.. voglio accettare di essere utile. La notizia più bella. Dio ha bisogno di me. Altro che autostima.. partiamo da qua.
Lasciamo stare messa preghierina e confessione.. partiamo da qua: Dio ha bisogno di me, perfino della mia vita, coi suoi buchi, le sue smagliature esistenziali, i suoi compromessi e doppifondi, il mio poco tempo e la mia scarsa confidenza biblica, i miei conflitti irrisolti e i miei sogni.
Eccomi.. si leggeva nella traduzione precedente.
Ci sono io, tocca a me; sono pronta. Gran bell’esempio di responsabilità e coscienza di sè.
Nessun alibi o giustificazione, nessun “non so, non saprei, non son capace, pensa a qualcun’altro..”
Spalle al muro ma con il sorriso. Faccio io, d’accordo, accetto.
Serva.. voglio accettare di essere utile.
Accolgo un parere positivo e una idea bella e grande di Dio nei miei confronti.
Mi fido più di Lui o dei miei spettri e mostri interiori che mi dicono che non son capace o che non valgo? Delle tante sirene mass mediatiche o culturali che mi disorientano garantendomi ben altro (?)
Avvenga per me.. in mio favore.
Avvenga per me.. strumentale.. attraverso di me..
Forse ci vuol più fede per accogliere questo sguardo d’amore di Dio sulle mia vita che tante altre pratiche.
Tutto può e deve partire da qui. Dal modo in cui mi sento guardato da Dio..
Prima di far tante riunioni in oratorio o di tante catechesi da preparare per gli altri (mica mai per me.. non sia mai..).
Prima di impegni, doveri, servizi, mail e gruppi uozap, prima di tanto sterile agitarmi per gli altri e per le cose cristiane da fare.. come sento che Dio guarda alla mia vita? Ci credo che anche questa gli possa servire? A che ?
Quanto è difficile accettare un complimento, accogliere un parere positivo, far nostro un punto di vista benevolo, ringraziare per una lode..
Quanta falsa modestia o pessima umiltà.. accetto che la mia vita sia una gloria per Lui? Come ci sentiremo davanti al presepio? Potremo anche provare a sentirci guardati da quel basso, da quella mangiatoia.
Allora sarà davvero Natale e serviremo finalmente a qualcosa prima di servire gli altri.
botticelli_-_annunciazione

COMMENTA!
Sarà molto bello se avrai piacere di condividere ciò che l’ascolto della Parola ha suscitato in te.
Ti prego di farlo direttamente a questo link come “commento”.

Annunci

2 pensieri su “Immacolata Concezione B.V. Maria – Anno A

  1. Bruna

    Maria è chiamata a gioire e non a servire.Langelo Gabriele le insegna a capire il dono che Dio le ha fatto.Dio però non si dimentica neppure di noi,basterà aprire gli occhi e il cuore per vedere i grandi miracoli che egli compie ogni giorno su di noi.Grazie .Bruna.

  2. Antonella

    Ciao Don Matteo
    è proprio vero, cambia il quadro quando mi sento amata da Dio a tal punto da sentirmi “sua serva”, io servo a qualcuno per realizzare ciò che è iniziato con la Creazione del mondo, anch’io contribuisco al suo progetto, anch’io sono “la goccia” come tutte quelle creature che sono state prima e che saranno dopo di me.
    Lascerò che il mio colore possa vedersi in questo quadro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.