Domenica XVIIIa t.o. B-’21

Dal Vangelo secondo Marco 10,17-30

In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”».
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio».
Pietro allora prese a dirgli: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà».

Un buffet di leccornie, anche questa domenica: vita eterna. Bellissimo. Mi chiedo però… come mai abbiamo trasformato (senza accorgercene?) la fame di vita eterna in “Eterno riposo…” (dona -almeno a- loro)? La fame resta ma la diluiamo in tante cose di poco conto. E per fortuna, resta. Eterna perché in comunione contemporanea con Dio attraverso la risurrezione. Siamo nel 2021 d.C. ..ma DURANTE non dopo di Lui. Eterna con Lui ora (“già ora, in QUESTO tempo, cento volte tanto”) e compiuta poi definitivamente passando dall’altra parte, “ammettili alla luce del tuo volto” sentiamo dire a messa, dal prete, anche a nome nostro. Eredità però mi dice morte: la ricevo se muore qualcuno. Ahi! Mentre dal battesimo ci è già stata donata. Interessa? Non la voglio aspettare né trovare sotto l’albero di Natale ma desidero trovare il modo per andarmela a prendere. Recriminarla come il primo dei diritti ! (Ah sì?) Per questo non serviranno a niente o quasi “tutte queste cose“… il tale di “parrocchia messe campiscuola chiese preti devozioni e attività” ne ha fatte anche troppe, ma ha sempre saltato l’appuntamento con l’essenziale. E il conto, la fame, arriva. A Pietro nostro, infine, stringerei le guanciotte pelose ringraziandolo. Come Marta che sbuffa liberamente contro Gesù che “non si accorge” di quanto è brava, veneta e indaffarata, così Pedro sbuffa a denti stretti, reclamando, a nome di tutti, che qua i conti non tornano…”aaahbbbbellloo…come la mettiamo?” Ci fosse stato un tavolo, secondo me ci avrebbe piazzato un bel pugno rabbioso con le sue manone callose da pescatore. Insomma pensavamo di stare seduti comodi sul carro dei vincitori con te, Messia fighissimo, hippie … con le chiese colme di gente, i giovani che litigano per entrare in oratorio, le statuette dei santi e delle madonne che assorbono soldi con le loro rosticerie di candele, mandrie di preti “gajardi” ovunque come il prezzemolo a far tutto loro per tutti, le suore a cantare come sr. Cristina e sorridere, i sabati pieni di sposi e fiori nelle chiese, mille battesimi e funerali devoti, i crocefissi ovunque, le domeniche senza centro commerciale ecc. ecc. invece ci troviamo pochissimi… sfigati…medievali, diluiti, solo sociali, (“insieme a persecuzioni”) contrari al papa, devuoti, indicati e tacciati di omotransfobia, travolti dalla pedofilia, con un Papa cazzutissimo che grida “vergogna”, accuse di tiepidezza ecc. ecc…. Interessa? toh, quel mattacchione di JC l’aveva già calcolato. A noi non resta che sentirci nella situazione in cui siamo..facendo tesoro di questa illuminata scorpacciata di Parola eterna, davvero eterna, perché dice qualità e verità. Interessa? recriminiamo tutto come un diritto. Il resto ci verrà dato in omaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.