Omelia in un sms – Omelia XXIVa T.O. – Anno C –

Mentre parlavo sentivo che dei “congegni” all’interno di me si frantumavano e lasciavano posto alla Verità  e ad una concretezza nuova per me. Quando sono uscita dalla chiesa ero più che felice e mi dicevo che Dio è magnifico e mi sta vicino con tenerezza. Mentre facevo la strada del ritorno avevo il sorriso stampato in faccia e guardando il cielo ringraziavo poiché mi sentivo leggera. In fine dopo vari mesi ho sentito quella libertà che il Signore ti dona quando chiedi il suo perdono.
Auguro a ciascuno di voi questa esperienza alla fine di una confessione. Sentirsi così… leggeri, liberi e veri.
Non c’è pubblicità più efficace oggi di questa testimonianza reale.
Ad essa io affido il commento di queste letture, tanto ricche quanto profonde e belle, da assaporare. Ci sono tutti gli ingredienti di una vera esperienza di fede e salvezza.
i congegni che si frantumano.. ” bella questa immagine di quel che accade nella propria coscienza quando uno abbassa la guardia e inizia ad essere disponibile e fidarsi, facendo fare a Dio; allora si frantumano di colpo le idee sbagliate su di Lui, gli alibi su di sè e le giustificazioni sulla fede, la confessione, la morale.. sul “non so cosa dire, mi perdono da solo, non ho fatto nulla di male, dipende, son sempre le solite cose, non serve andare dal prete…”..  come facciamo a ignorare il dono della misericordia di Dio, di un sacramento per noi, di un Dio che proverebbe gioia per un peccatore che torna a casa, come quella pecora o quella moneta nel Vangelo?
Ha davvero più voglia lui di perdonarci che noi di essere perdonati; perchè facciamo sempre prevalere il nostro orgoglio e teniamo chiuso il cuore? Dio prova gioia nel donarci misericordia. Perchè non glielo vogliamo permettere? Il figlio prodigo, non ha nemmeno dovuto suonare il campanello perchè il Padre era ancora fuori ad aspettarlo.. tanto era in pena e desideroso che quel figlio tornasse a casa.. così fa Dio con noi, é in pena finchè non ci lasciamo raggiungere e amare.
Lasciare posto alla verità.. bello, si fa strada la verità di noi, del volto di Gesù, di un Dio padre di misericordia.. non di un generico signore.. e come un balsamo risana, perchè ti fa sentire accolto, prezioso, ritrovato. Se lo lasci entrare tocca la tua vita con la luce della sua Parola, da accogliere con fede e speranza. La verità rende liberi, diceva san Paolo, non chiusi, permalosi, passivi.. come gli scribi che mormorano, all’inizio del Vangelo.
una nuova concretezza.. ” cioè sentire che la propria vita non é divisa in tante scatole, ma unificata dallo spirito santo in noi dal battesimo, che ci dona concretezza cioè piena aderenza a quello che siamo, come siamo, senza nascondersi ne vergognarsi…che quel perdono mi rimette tutto in piedi e mi dona la nuova consapevolezza che sono un figlio prezioso. La dignità più grande che Dio voglia donarmi. Non uno che vive la sua vita di tutti i giorni da sè e poi va a messa. O dice le preghierine della sera.
Ricordate? Il figlio maggiore della parabola si lagnava perchè.. .perchè viveva da schiavo, chiuso su meriti e colpe.. era probabilmente molto religioso ma non libero. Il Padre invece vuole solo dei figli attorno a sè, amati e preziosi, liberi!
mi sentivo leggera..” solo il perdono scioglie il cuore dai sensi di colpa, dai muri costruiti per giustidicarci nella nostra coscienza, dalle rigide chiusure delle nostre presunte fedi cristiane, dalle barricate dei nostri silenzi ostinati e orgogliosi.
Pensate a quando tra pochi minuti, diremo, per voce del celebrante..”Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni, e con l’aiuto della tua misericordia vivremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro salvatore Gesù Cristo” .. Lasciamo che ci aiuti con la sua misericordia? ne abbiamo bisogno? ci salva da noi stessi e dalle nostre scuse..m.a anche dalle confessioni banali, vuote, scrupolose e non sentite..
“Ho sentito quella libertà che il Signore ti dona quando chiedi il suo perdono.”
Il perdono non te lo puoi dare da solo. Non puoi far finta di niente. Rimorsi, rimpianti, sensi di colpa.. ci possono tormentare una vita. Il perdono, che nasce solo nella relazione d’amore, ci ridona un cuore pulito e una coscienza libera.. la misericordia che il Padre ci offre ci sa addomesticare e ammansire.. ci lascia belli.
Dio mi sta vicino con tenerezza.. penso alla parabola della pecora smarrita: ci aggiungiamo un dettaglio, fondamentale come sempre: forse ci aspetteremmo che una volta ritrovata, la pecosa si prendesse almeno due legnate sulla schiena, per essersi allontanata, o una scarica di parolacce… no: La prende in spalla. Sa che è stanca. Ha sbagliato strada, ha percorso sentieri impervi.. si era persa.. come noi.. era andata lontano, avrà avuto paura, angoscia, senso di sfiducia, abbandono, fallimento.. Ma non viene rimproverata. Lui se la prende in braccio. Le trasmette la sua forza, la fa ristorare per riprendere poi il cammino. Tenerezza e bontà di mamma.. inaudita. Dettaglio bellissimo.
Riusciremmo mai a contemplarci con umiltà di figli amati e di creature..  a contemplarci, a desiderarci sopra quelle spalle?
Noi che ci teniamo distanti perchè prima vogliamo risolvere da soli i nostri problemi.. pronti a recriminare.. Lui ci offre direttamente il suo amore. Non se e perchè lo meritiamo.. ma solo perchè ne abbiamo bisogno. Dio ci ama non se siamo bravi. Ci ama perchè abbiamo bisogno del suo amore incondizionato, ad oltranza ed eterno. Perchè solo così ci sentiamo davvero amati e amabili. Solo così ci sentiamo a casa e quindi figli! Solo così siamo in grado di amare gli altri a nostra volta di un amore reale, grande, degno di noi, di amare sul serio.. e allora tengono anche i matrimoni, non si sfascia una famiglia per denaro, non ci si vende in cerca di affetto, non si trovano anestetici o compensazioni..
Solo così saremo strumenti del suo volto di pace, una chiesa che come auspicava Giovanni XXIII aprendo il concilio vaticano secondo.. preferisce usare la medicina della misericordia invece che le armi del rigore.. quella medicina che lui dona a chi si riconosce ammalato.. Lui che é venuto non per i sani ma per gli ammalati, i bisognosi di quel volto di padre e di quell’abbraccio tenero di misericordia.
Che questa parabola ci inquieti, ci liberi e ci doni l’umiltà di desiderare questo volto del Cristo presente e vivo nelle nostre vite.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.