XXIXa T.O. – Giornata Missionaria Mondiale – Anno C

“Quando io do da mangiare a un povero, tutti mi chiamano santo. Ma quando chiedo perché i poveri non hanno cibo, allora tutti mi chiamano comunista”
(Dom H. Camara, vescovo Brasiliano -1909-1999)

269189_504866039523495_330448950_n

Lettura dal Vangelo secondo Luca 18,1-8
Diceva loro una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”. Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”». E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

La necessità di pregare.. non di dire parole spirituali o cristiane, formulette biascicate a memoria.. ma che la nostra vita si trasformi in preghiera.
Dialogo fiducioso; una sorta di continua ADSL col Padre da scoprire vicino, vivo, presente.
Pregare allora diventa ringraziare, chiedere, offrire, cercare, affidare, abbandonarsi, confrontarsi, dare.. e tutto quello che possiamo chiedere al navigatore che ci siede a fianco nel cammino della vita.
Che ci sostiene, come i due amici della prima lettura.. per le braccia..

La giustizia sulla terra.. coincidenza simpatica.. a partire dalla giornata missionaria mondiale..
Una delle accuse più classiche alla chiesa.. “i poveri dell’Africa”.. ma di chi sono? Della Chiesa o degli Stati? Di chi è la colpa? Della chiesa o di politiche economiche e finanziarie assassini e indifferenti?
Che poi la chiesa debba convertirsi.. ci mancherebbe..ma noi.. quanto siamo consapevoli del nostro benessere e di quello che lo crea e garantisce?
E non basta solo andare a comperare un po’ di cioccolato dal commercio equo e solidale..

 

COMMENTA!
Sarà molto bello se avrai piacere di condividere ciò che l’ascolto della Parola ha suscitato in te.
Ti prego di farlo direttamente a questo link come “commento”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.