Domenica IIa di Pasqua – B

(Tempo di lettura previsto: 5 minuti)

 

 

08042015

 

In Ascolto del Santo Vangelo secondo Giovanni 20,19-31

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

 

Provare per credere.. chi ha qualche anno in più ricorderà senz’altro questa assillante pubblicità..
Da dove cominciare? Un vangelo ricchissimo in questo tempo di Pasqua.
Il primo augurio che fa il Risorto è la pace: non li rimprovera, non dice loro “che fine avevate fatto”, “ve lo avevo detto”, “non si fa così, cattivi”.. ma un augurio di pace..
Mostra loro mani e costato: li dove c’erano le ferite della fedeltà all’amore. La risurrezione non è stata per Gesù un passaggio in carrozzeria a farsi risistemare ma.. è riconoscibile attraverso le sue ferite redente dall’amore. Non gli son state cancellate. Nessun nostro dolore, sofferenza, sconforto, fallimento.. andrà sprecato o verrà ignorato..
Tutto passa per la risurrezione. Quel che ci ha fatto soffrire ci farà anche risorgere e le “ferite diverranno feritoie” (d. G. Verdi).
Io vi mando.. non importa se eravate fuggiti o mi avevate rinnegato o tradito. Starete in piedi perché “io vi mando”.
La nostra vita è un “mandato” o pascoliamo a spanne?
Tommaso.. spesso ne facciamo un vessillo col quale identificarci.. dimenticano con eccessiva faciloneria che lui in realtà quel dito e quella mano non le ha messe da nessuna parte.. la sua espressione esplosiva di fede nasce anzi sgorga spontanea senza aver ottenuto ciò che ha chiesto. Toccare non serve a nulla e nemmeno vedere.
La fede è un moto interiore.. così connaturale.. innestato nella capacità reale di fidarci, di lasciarci voler bene ed amare.. è questione affettiva prima che “teologica”..
Mio Signore e mio Dio.. questa espressione ci guidi: mio Signore.. Tommaso ci orienta a comprendere che nelle nostre vite cristiane.. tutto cambia quando iniziamo a dire questo.
Che è Lui il Signore della nostra vita, che lasciamo fare a Lui, che lasciamo che la nostra fede sia risposta, nostalgia e non ricerca, che non ci interessano le performance religiose e il folklore liturgico ma vogliamo vivere da affidati, da figli.. non da padroni ne da despota delle nostre esistenze, ma lasciando far a Lui, che sia Lui il Signore che si prende cura, ci stupisce, ci guida, ci illumina, ci consola, ci protegge.. il resto son solo paccottiglie insipide e prestazioni incolori.. falsamente rassicuranti, ma alla fine evanescenti..
Come sta procendendo questa settimana dell’Ottava? Abbiamo già sepolto la potenza della risurrezione con un “nulla di fatto”? Game over?
Buon proseguimento.. provare per credere.. ma non a toccarlo.. ma a lasciarci toccare.!

 

COMMENTA!

 

Donati un po’ di tempo PER TE STESSO, per fare silenzio, per staccare, per lasciarti raggiungere Una buona volta, senza scuse.. per la bellezza, per “gli ultimi”, per DIO.. un abbraccio e.. prega per me!
Grazie, don mt

barca1x

7 pensieri su “Domenica IIa di Pasqua – B

  1. Volevo condividere questo pensiero che nasce dal silenzio,mentre stò contemplando il crocifisso in legno colorato appeso alla parete della cucina.Penso a questa Pasqua di risurrezione e mi scopro serena,perchè il signore risorto non mi ha tolto le difficoltà quotidiane,ma mi ha donato la capacità di vederle sotto una luce diversa e inaspettatamente le sento più leggere.Ho imparato ad apprezzare le piccole gioie,i pochi momenti di gentilezza,cogliere e donare qualche sorriso e qualche carezza sulla guancia.Ho scoperto che coltivando il silenzio posso sentire il fruscio di Gesù e coma Maria di Magdala (che porta il nome di provenienza come Gesù di Nazaret) scopro che si rivela nei momenti più inaspettati della mia vita.Serena Pasqua a tutti Bruna.

      1. Maria G.

        Questo scambio di commenti arricchisce tutti,grazie,vi voglio bene…Forse un giorno ci conosceremo !Intanto l’augurio della Pace di Cristo ….,che rimanga sempre con noi e che possiamo trasmetterlo ad altri.Buona Pasqua Maria G.

  2. Roberta

    Tommaso mi sembra come una persona gelosa, gelosa dei suoi amici che hanno visto il Signore. Il desiderio è che il Signore incontri anche lui, che anche Tommaso possa dire: “ho incontrato il Signore”. Tommaso ha desiderato questo incontro e Gesù è tornato. Mi viene da domandarmi come mi ha incontrata il Signore dopo che è Risorto?Allora, le mie ferite ora la vede bene, non che prima non le vedesse ma la risurrezione porta tutto alla luce. Ci sono cose, tipo rapporti sbagliati o rapporti difficili, che non cambiano. Ciò che con la risurrezione viene alla luce è la forza di affrontare le ferite in maniera nuova, diversa con speranza e amore. Tommaso non si è arreso anche se era assente quando è arrivato Gesù, non si è disperato; ha aspettato un nuovo incontro. Mi sento un po’ come i discepoli “mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei…”Arriva come un soffio lo Spirito Santo e Gesù parla di perdono e cosa c’entra il perdono con questi che avevano paura di mettere il naso fuori dalla porta? Mi dico ci può sempre essere qualcuno o qualcosa che ci mette fuori gioco, che ci fa paura, che ci blocca, che ci fa restare dentro casa. Riesco a perdonarmi, quando provo questi sentimenti?Riesco a rimanere vigile come Tommaso? Riesco a sentire nonostante tutto:”pace a voi”?…nonostante tutto, anche se moglie, madre, volontaria ecc..ecc..resto figlia amata e le mie ferite Lui ora le guarda e brillano della luce del Risorto, tendo la mia mano e resto al suo fianco.
    Grazie
    Roberta

  3. Tommaso attraverso le piaghe ha riconosciuto Gesù,mi vengono in mente tutte le volte che ho avuto bisogno di prove per comprendere che la misericordia di Dio è talmente grande da non escludere nessuno,Questo vangelo mi invita a esprimere la mia fede nel signore risorto e a mettere da parte i miei dubbi,<> Grazie Bruna.

  4. Maria G.

    Confesso che per me,in materia di religione,è stato e forse lo sarà ancora,difficile rinunciare a capire…Ho cercato per anni delle spiegazioni a ciò che sfugge alla razionalità.Com’è possibile accettare delle Verità che confliggono con la realtà che conosciamo?Ho cercato invano…e se ho trovato non è stato con la ragione,ma con il cuore.L’incontro con Dio lascia il segno per sempre;
    sai che c’è,che puoi fidarti di Lui,e se anche,a volte,non riesci a dirgli “Sia fatta la tua volontà”,perchè temi che sia troppo dolorosa per te,sai che Lui continuerà ad amarti comunque.
    Allora la mia preghiera sarà “Signore rafforza la mia fede,aiutami ad accettare,dammi la forza della Resurrezione e la costanza nell’attuare il mio impegno,perchè non siano solo parole”
    Maria G.

  5. ?...........!

    Gesu’ …non solo ha sentito quello che diceva Tommaso ….ma lo ha anche ..ascoltato ….
    Nonostante quella potesse. Essere una. Stupida. Richiesta se non addirittura un’ offesa …
    Bene …almeno sappiamo che ascolta e chissa’ magari e’ la settimana del….miracolo ?
    Si . Io ci credo pienamente e aspetto con mani aperte .
    Intanto ..grazie …per..la ..speranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.