Ia Domenica di Quaresima – C

(Tempo di lettura previsto: 5 minuti)

 

090216

 

“Il diavolo sa ben citare la Sacra Scrittura per i suoi fini.”
(William Shakespeare, Il mercante di Venezia, 1594/97)
 
“La tentazione del potere è la più diabolica che possa essere tesa all’uomo, se Satana osò proporla perfino a Cristo.
Con Lui non ci riuscì, ma riesce con i suoi vicari.”
(Ignazio Silone, L’avventura di un povero cristiano, 1968)


 
In Ascolto del Vangelo secondo San Luca 4,1-13

Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo».
Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto».
Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti:
Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano; e anche: Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra».
Gesù gli rispose: «È stato detto: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo».
Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato.

 

Il rifiuto della realtà, di quel che è, di quel che sono: dover accettare il limite, il tempo, la realtà delle cose, di come va la vita.. invece di trasformare in pane le pietre.. perchè puoi. Perché anche tu hai diritti desideri?
Il ricatto affettivo.. se tu, allora io..: possedere beni in cambio di sottomissione. Cerco i doni di dio piuttosto che il dio dei Doni.
Autorità, creare schiavi e sottomessi: io posso, ho il potere, compiere di tutto nel nome di Dio, anche creare divisione, seminare zizzania, escludere, rinchiudersi, giudicare..
Il diavolo esiste; come principio di male che crea divisione, separazione, schizofrenia in noi. E tra di noi. Mica vuole essere adorato (satanismo a parte): se Gesù disse “se sarete uniti vi riconosceranno” tutto il resto viene da Lui.. chiacchiere, giudizi, accuse, pregiudizi, etichette, immagini e schemi mentali su noi, il nostro passato, dio, le nostre famiglie e abitudini, i nostri peccati e ferite..
Separarci dalla verità di noi, fare tacere la Sua voce che parla per primo con la verità di quel che siamo degni di essere.. separarci, dilatarci, allargarci, sbregarci* in due .
Mi fa morire come Gesù non ragioni, non argomenti, non spieghi ne giustifichi. Cita solo la Parola.
Ci sia di esempio.. lampada ai miei passi è la tua parola.. dice il salmo.. e per noi? Che senso e scopo ha la Sua parola?
E quando il furbastro cita la Parola a memoria (noi bravi cristiani conosciamo brani biblici a memoria?) risponde ancora colpo su colpo.
Gesù si tiene la fame. Totalmente umano, fragile, sfinito. Lo Spirito è con Lui, continui ad essere con ciascuno di noi.
*dialetto veneto per: strapparci..

 

 

Donati un po’ di tempo PER TE STESSO, per fare silenzio, per staccare, per lasciarti raggiungere Una buona volta, senza scuse.. per la bellezza, per “gli ultimi”, per DIO.. un abbraccio e.. prega per me!
Grazie, don mt

barca1x

Annunci

2 pensieri su “Ia Domenica di Quaresima – C

  1. Roberta

    “Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse…”
    Eccolo il diavolaccio che tenta nel momento di “fame”, nel momento in cui senti bisogno di qualcosa e non ce la fai più. E’ come se il diavolo dicesse mi dicesse:” poverina! Quante promesse non mantenute per te!Quante aspettative deluse!” Ma è prorio qui dove si vive una mancanza che Dio mi raggiunge, con i suoi doni, altri doni e con la sua Parola, che non è trovare sempre una risposta a tutto ma che si fa cammino condiviso io e Gesù, Gesù e io.
    “Se….se tu sei Figlio di Dio” Se, se quante volte lo dice il diavolo questo “se”…che traduco: “nel caso che…se tu fossi davvero…se la tua vita fosse diversa…se avessi incontrato altre persone… se avessi fatto scelte diverse. Ma Dio non mi ha creato con un “se” ma con un “sia”. “Sia la luce, sia il firmamento…siate fecondi!”Niente tentennamenti c’è un progetto di Dio su di noi durante il quale ci sono prove e tentazioni e passi indietro; ma cè stata data anche una Parola alla quale fare spazio, dare fiducia con la tentazione di…..perdere tempo per ascoltarla e farla abitare dentro di noi.
    Grazie
    Roberta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.