IIIa Domenica t.o., 2022 durante Cristo – C

…”The answer is blowin′ in the wind…” (Bob Dylan)

Dal Vangelo secondo Luca 1,1-4.4,14-21

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.
In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

«Questo libro, che conoscete da sempre, parla di me… sono io quello che è venuto a compiere quel che avete sentito e conoscete a memoria, che forse in tante occasioni avete ascoltato con trepidazione, accolto commossi, magari fantasticandoci su con desideri di rivalsa, ripicca o redenzione… insomma sono io, io che voglio fare tutto questo per voi e per tutti… io che ho a cuore la vostra vita e sto con voi, dalla vostra parte. Io vorrei proclamare la grazia del Signore…». Ecco credo che le parole di Gesù possano aver provocato questo in chi lo ascoltava. Permettere l’attualizzazione… Ma questa scrittura si è compiuta visto che ora il Verbo in persona, dirà Giovanni, si è fatto azione, carne, vi rivolge la parola. La Parola ci rivolge la parola. Relazione. Viviamo in ascolto di chi continuamente è rivolto a noi. Compiuta significa definitiva. Non serve attendere altro. Né sperare altro, magari di diverso, più opportuno, più consensuale o religioso o..scontato. A nostra misura. Nein! Niet! Renderemo lode e non lamentale e scrupoli a chi vuole tutto questo con noi? In Lui abita lo Spirito Santo, ce lo comunica per sintonizzarci con la Sua presenza, la password unica e garantita per accedere al Padre, non a dio. Che la nostra vita e le comunità cristiane che forse abitiamo, frequentiamo, serviamo…possano tenere all’orizzonte, alla spalle tutto questo…e come un vento sulle vele.. continuare il viaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.