Video Poker e Compro Oro.. – Omelia IVa Domenica di Pasqua – a

Bevi responsabilimente
Gioca solo se maggiorenne
Fumare fa male..
Il gioco può creare dipendenza patologica

In genere la pubblicità alla radio e alla tv lancia questi messaggi per dovere, aumentandone la velocità per fare prima, o scrivendoli in piccolo.. Voci suadenti.. Come le sirene di Ulisse che lo volevano attrarre a sè.. per farlo morire.
In questa ipocrisia statale legalizzata possiamo cogliere un esempio lampante di quello che il vangelo descrive.
Penso ai comprooro, ai negozi di sigarette elettroniche o ai video poker o alle salegiochi d’azzardo spuntate silenziose e letali anche nella nostra città.. come funghi.. ma non porcini, no.
Non é certo colpa di chi ci lavora.. ma chi c’è dietro? E perchè?
Ma anche a tante ideologie che circolano tra noi, nelle scuole, nel parlar comune, nei messaggi pubblicitari. Come ladri e briganti attentano al gregge. Non entrano dalla porta…dal quale stanno ben lontani.
Il ladro non viene se non per rubare, uccidere, distruggere.
La sua voce si insinua, come una mentalità nelle pecore e le distrae.
Giovanni dice che sono estranei.. ma forse non perchè sconosciuti. Estranei nel senso che non c’entrano nulla. Con cosa? Con quello che Gesù dice di essere venuto a portare: la vita.. e in abbondanza. Rubare.. penso a quanto queste e tante altre cose rubino dignità, il rispetto di sè, il senso del proprio passato e della propria storia.
Uccidere.. significa non far più vivere, non essere più padroni di sè e allora penso a quanto le persone dipendenti e fragili cadano in questo.
Distruggere.. relazioni, legami, famiglie.. ditruggere e dilapidare quanto guadagnato, conquistato, meritato.
Non ci rendiamo conto quanto tutto questo crei vittime e lasci per strada il diritto alla serenità e alla pace per tantissime persone e famiglie.. Basti pensare quanto deve faticare certa politica sana per contrastare il monopolio del gioco d’azzardo o magari delle armi libere come negli Stati Uniti. E vogliamo dimenticarci dei nostri 90 cacciabombardieri? Sono metà ora.. ma nesssuno ha capito a cosa ci servano e perchè sembriamo obbligati ad acquistarli.. se non ci fossero altre priorità per quel pacco di milioni di euro di spesa..
Niente. Non importano le vittime: importante é guadagnare. Le lobbies e certe multinazionali non si fanno scrupoli.
A rimetterne é sempre e solo l’uomo e soprattutto i più poveri e indifesi. E non solo in africa o in asia.. ma anche qui da noi.. la miseria non é solo l’assenza di cibo ma l’assenza di un controllo forte che possa dire no ai signori della disperazione calcolata. La voce di Gesù é diversa: alta e sonante, le pecore la ascoltano.  Non le sue parole. Questo è bellissimo.. E’ il timbro della voce, calda, amica, rassicurante.. appena la riconosci ti senti a casa, persona.. chiamato per nome, conosciuto.
Non credo sia un dettaglio: dice confidenza e fiducia.  Guardate che una bella voce è magnetica, suadente. Ci dona una memoria potente.
Giovanni torna troppo su questo perchè sia solo un particolare. Mi piace pensare alle voci famigliari.. quando non serve dire “chi parla?”.. una voce che ammansisce, addomestica, quieta.
Abbiano la vita. Ecco il cristianesimo. Teniamolo sullo sfondo. Vita abbondante. Sappiamo recriminarla a Gesù, questa abbondanza?
Ricordate quando Maria al sepolcro vede Gesù risorto, lo scambia per il giardiniere? Solo quando lui la chiama per nome lei riconosce la sua voce e capisce che é lui..
Penso a quante volte la voce sia riconosciuta come legata alla coscienza. Per il Vaticano II Dio parla nella nostra coscienza.. da li suggerisce atteggiamenti e scelte per viverlo da padre, per viverci da fratelli e sorelle.
Ne moralismi ne cose da capire: ma vita abbondante. Ecco la Pasqua.
Ma che effetto mi fa? Mi metto a pregarLo e sento che mi offre vita abbondante?
Pochissime volte Gesù piange nel vangelo: forse due. Per Lazzaro, e l’altra quando guardando da lontano la città di Gerusalemme.. piange su di essa, dice il vangelo.. si commuove guardando la città, cioè le persone, le storie, le ferite. Gesù piange per loro, per noi.
Un pianto del pastore che ama le pecore, ma le coglie ubriacate di libertà e falsi miti, come pure smarrite.. come pecore senza pastore, abbiamo sentito.
Lui invece é venuto per la vita abbondante. Ognuno di noi é già vivo.
Ma a Dio non basta: esagera sempre.. come le ceste di pani e pesci avanzate dai miracoli.. esagera nella misura in cui vuole che la nostra vita sia abbondante, carica di frutti, di doni, di risorse.
Ecco carissimi come, proprio nella nostra coscienza possiamo vivere .
Un cristiano deve chiedersi da dove viene la voce della propria coscienza.. da Dio o da certe sirene? É una voce che mi suggerisce cose per il mio bene o per il mio male? É alimentata dall’orgoglio e dall’autosufficienza o mi apre agli altri? Mi chiede di essere autentico o spontaneo? Vuol il mio bene o i miei soldi? Mi farà apparire vero o falso? É la voce di Cristo che mi dona vita vera o altro? Ecco un criterio molto semplice per non farci prendere in giro. Il vostro parlare sia si si no no.. raccomanda..
Beati voi. Amatevi gli uni gli altri, ama il prossimo tuo come te stesso.. Va e anche tu fa lo stesso.. se vuoi guarire.Gesù é sempre diretto, schietto.. ci mette con le spalle al muro. Non ha bisogno di frasi veloci o sotterfugi per paura di farsi sentire.
Gli stiamo troppo a cuore per non dirci la verità. Chiediamogli la forza e l’umiltà di riconoscerlo già al lavoro nelle nostre coscienze. La sera quando riguardiamo la giornata.. la mattina, quando gliela affidiamo, partiamo da qui: dal desiderio di sentirlo al lavoro nella nostra coscienza, con la sua voce, per indicarci le strade vere, libere e autentiche per avere vita, per sentirci vivi,chiediamogli che questa sua voce ci faccia sentire amati e accompagnati e ci risvegli dal torpore o dall’orgoglio.. ne va della nostra vita.
Io la voglio abbondante. E voi?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.