I° Domenica di Avvento – A

(Tempo di lettura previsto: 5 minuti)

11-10+Fiera+Arte+011

“Concetto spaziale: attesa” Lucio Fontana, 1963

Shomèr ma mi-llailah
( tratto dal libro del profeta Isaia 21,11 –
“Guccini”, Francesco Guccini, 1983 )

La notte è quieta senza rumore, c’è solo il suono che fa il silenzio 
e l’ aria calda porta il sapore di stelle e assenzio, 
le dita sfiorano le pietre calme calde d’ un sole, memoria o mito, 
il buio ha preso con se le palme, sembra che il giorno non sia esistito…
Io, la vedetta, l’ illuminato, guardiano eterno di non so cosa 
cerco, innocente o perchè ho peccato, la luna ombrosa 
e aspetto immobile che si spanda l’ onda di tuono che seguirà 
al lampo secco di una domanda, la voce d’ uomo che chiederà: 

   Shomèr ma mi-llailah, shomèr ma mi-lell, shomèr ma mi-llailah, ma mi-lell 

Sono da secoli o da un momento fermo in un vuoto in cui tutto tace, 
non so più dire da quanto sento angoscia o pace, 
coi sensi tesi fuori dal tempo, fuori dal mondo sto ad aspettare 
che in un sussurro di voci o vento qualcuno venga per domandare…
e li avverto, radi come le dita, ma sento voci, sento un brusìo 
e sento d’ essere l’ infinita eco di Dio 
e dopo innumeri come sabbia, ansiosa e anonima oscurità, 
ma voce sola di fede o rabbia, notturno grido che chiederà: 

   Shomèr ma mi-llailah, shomèr ma mi-lell, shomèr ma mi-llailah, ma mi-lell 

La notte, udite, sta per finire, ma il giorno ancora non è arrivato, 
sembra che il tempo nel suo fluire resti inchiodato… 
Ma io veglio sempre, perciò insistete, voi lo potete, ridomandate, 
tornate ancora se lo volete, non vi stancate…
Cadranno i secoli, gli dei e le dee, cadranno torri, cadranno regni 
e resteranno di uomini e di idee, polvere e segni, 
ma ora capisco il mio non capire, che una risposta non ci sarà, 
che la risposta sull’ avvenire è in una voce che chiederà: 

Shomèr ma mi-llailah, shomèr ma mi-lell, shomèr ma mi-llailah, ma mi-lell 

  https://www.youtube.com/watch?v=g85PzjZzrtc

In ascolto del Vangelo secondo San Marco 13,33-37

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: “Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!”.


“Annunziamooooo.. la tua mooorte Signoooohhhooore, proclamiaaamo.. la tua risurrezioneee, nell’atteeesaaa della tua venuuuutaaa!”
Quante volte a messa ripetiamo o cantiamo queste parole? Le usiamo per rispondere a chi ci ha appena annunciato che è un “mistero della fede”.
Quasi a dire…”quel che capite, capite.. per il resto ci organizziamo”: e noi si risponde.. con quelle parole a cui forse abbiamo sempre fatto
troppo poco caso..
Nell’attesa della tua venuta. Ad ogni messa o quasi noi confermiamo quindi di essere in attesa.
Che sia la prima domenica di avvento o la terza di quaresima, un matrimonio, un funerale o la patrona o una classica domenica del tempo verde ordinario..
Vivere l’attesa.. è fondamentale: “the readiness is all” (la prontezza è tutto) diceva Shakespeare nel V° atto dell’ “Amleto” (1603)
Attendo attendo.. tanto passerà, tanto vediamo.. tanto smetto quando voglio, tanto a me non capita, a noi non può succedere
Aspetta, passerà.. si sistemeranno le cose, facciamo finta di niente, poi passa, cosa vuoi che sia, sarebbe bello, utile, giusto, ma..
C’è una attesa di cui ormai ho la nausea: l’incapacità di decidere. Decidersi.
Si, le cose tra noi non vanno bene, ma..
Sì, è malato grave, ma guarirà..
Si, è vero, lavoro troppo, ma.. bisogna
Si, sarebbe bello confrontarsi, venire a far due parole, confessarmi ma..
Si, hai ragione, ho bisogno di rallentare e fare silenzio.. vedrai che..
Si, sono d’accordo, son sposato ma.. come si fa a rinunciare?
Si, non è bene ma.. smetto subito, per una volta, che male c’è..
E aspettiamo..
E intanto poi collassiamo, ci incriniamo nei rapporti, chiediamo unzioni degli infermi inutili ad ammalati incoscienti (se no si sarebbe impressionato..), ci separiamo drasticamente, facciamo un esaurimento, picchiamo i figli, ci sballiamo, ci facciamo schifo, non ci riconosciamo più, andiamo in depressione,
ci allontaniamo..
Dovevamo aspettare.. aspettare.. e non è successo niente.
E non ho fatto cambiare niente.
Non mi son lasciato raggiungere, aiutare, mettere in discussione.
Non son stato il protagonista della mia vita.. o forse lo sono stato troppo..dormivo..
Altro che..
Che questo avvento ci doni il vero senso dell’attesa.. che non è stasi..ma risveglio!

COMMENTA!

Annunci

3 pensieri su “I° Domenica di Avvento – A

  1. Walter

    L’attesa: momenti che vivo ogni giorno nella mia/nostra vita matrimoniale. Essa fortifica, significa attendere il momento, attendere l’altro/a, ma aiuta anche ad aprirci a tante altre cose, per esempio al dialogo.
    Vivere sempre con serenità l’attesa affinchè essa non bruci il momento.
    Pace a voi.

  2. Roberta

    “Non sapete quando è il momento”. Il non sapere mi mette proprio a nudo, mi fa aprire bene le orecchie, aguzzare la vista. Ma in ogni caso aspetto. Non è un’attesa come dal dottore o al supermercato dove hai il numeretto e quindi quando esce il tuo scatti, ti alzi, chiami “tocca a me” e sai che c’è un numero prima del tuo e uno dopo. Nel brano non ci sono numeretti, devi essere sempre pronto a camminare, a rialzarti, ad avanzare. E’ un’attesa che ti invita ad entrare dentro al mistero. E’ un’attesa dove ho il mio compito dove mettere al centro la mia vocazione, perchè Lui mi ha lasciato la sua casa e tornerà per vedere se l’ho vissuta o se ho passato il tempo a dormire.
    “Ha ordinato al portiere di vegliare”. C’è sempre un portiere nella nostra vita che ci manda dei segnali che ci dice: sei pronto, puoi uscire oppure rientra, oppure riposati, oppure prendi un’altra strada. E’ il nostro corpo, è la nostra coscienza a volte assopita che se resta tale non ci porta per le strade a testimoniare. Ho bisogno di vegliare, di rimanere al buio, in silenzio. Ma ho anche bisogno di prepararmi, di rendere ciò che è bello ancor più bello. Ho bisogno di conoscere bene la casa perchè ogni angolo possa parlare di me: della mia sete d’amore, di pace, di condivisione. Vieni Signore Gesù.
    Grazie, buon Avvento e buona domenica.
    Roberta

  3. Bruna

    Certo…di fronte ad un testo cosi si potrebbero fare numerose considerazioni,ma posso sottolineare che
    l’ attesa potrebbe essere la speranza di realizzare un progetto,di sentire un passo di cui riconosciamo il suono oppure ascoltare una voce amica.
    L’ attesa è nascosta nella sua evidenza, perché sa che il suo splendore sta nel pudore con cui si manifesta.Grazie Bruna

    Soltanto l’ ardente attesa e pazienza porteranno
    al raggiungimento di una splendida felicità
    Paulo Coelho

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.