Domenica XXVIIa T.O. – B

(Tempo di lettura previsto: 5 minuti)

 

Terza Settimana: da qualche parte tra Portogallo e Spagna
(Spero di non trovare muri davanti a me, passando in Spagna, a parte quelli che già porto nel cuore e nella testa..)

090915

 

In Ascolto del Vangelo secondo San Marco 10, 2-16
Alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, gli domandavano se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla». Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto». A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».
Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.

 

Mmmmm.. di male in peggio.. dalle zelanti  amputazioni spirituali.. al “gioco delle coppie”..
Dei bambini abbiamo detto la scorsa goccia.. qui viene ulteriormente rinforzato con un’altra immagine molto bella e suggestiva..
Oggi Lo provocano sulle coppie.. tema scottante.
Penso ai tanti matrimoni preparati e celebrati, alle decine di coppie accompagnate e preparate, a quelle che si stavano preparando e consolidando come pure a quelle che si stavano, stanno.. atrofizzando, spegnendo, sfasciando..
Penso ai sudori freddi, alla rabbia triste ed impotente di fronte a qualche coppia che ti chiede il matrimonio come fosse un qualcosa di scontato e dovuto.. e non sai se infierire, sezionare, spaccare, annunciare.. o lasciar stare..
Penso alle coppie divelte..
Penso al Vangelo di oggi in cui Gesù ricorda semplicemente la Genesi ed il suo messaggio a noi precedente di qualcosa come 3500 anni.. eppure mai come oggi  attuale.. lapidario, immediato. Vero.
Quel lasciare la madre ed il padre.. non significa buttarli nell’umido, ma.. coraggiosamente al secondo posto.. perché ora prima c’è la tua di famiglia.. con tutto quel che significa.. padre e madre poi significa anche la mia educazione, abitudini, immagine di famiglia, zavorre varie..
Mi dicevano.. addetti ai lavori.. che quasi metà dei matrimoni salta e si è logorata per una pessima gestione, immatura ed adolescenziale, dei rapporti con le famiglie di origine.. altrettanto infantili ed invadenti..
Che triste..
Ma mi sto muovendo in un terreno minato..
Una sola carne.. immagine suggestiva.. la carne è debole, si dice, no?
Fragile ferita volubile suggestionabile.. debole..
Ma é anche la pasta di cui siamo costituiti.. in cui Dio ha soffiato il suo ruah, il suo alito e spirito creatore.. fragile e sacra insomma.. inscindibili.. non me ne devo vergognare, è tutto quello che ho e sono. Luogo della passione, della sofferenza,  della tenerezza.. di ciò che mi rende più sacro, ma anche più animale. L’equilibrio perenne.. sopra la follia.
Noi che vorremmo sempre la rassicurante perfezione e solida maturità..
Siamo costretti a sentire convivere in noi le spinte opposte.
Fatti per l’infinito ed il per sempre, ma impastati con lo sputo della fragilità.
Così non ci annoiamo…e restiamo..vigili, attenti, in equilibrio.
Carne, carnoso.. é anche sinonimo di abbondanza.. (una ragazza in carne..) quindi di promessa.. qualcosa di bello e buono. Desiderabile.
Il matrimonio non è la tomba dell’amore.. ma.. come diceva il teologo Bonhoeffer (chiedo scusa se mi ripeto, ma.. repetita.. juve..)
“Non é il vostro amore a sostenere il matrimonio, ma d’ora innanzi è il matrimonio che sostiene il vostro amore”.
Adeus, obrigado.

 

Annunci

5 pensieri su “Domenica XXVIIa T.O. – B

  1. Domani sera il Santo Padre farà una veglia di preghiera per l’apertura del Sinodo sulla famiglia, mi sembra in tema con questo passo del Vangelo, tanto difficile da ignorare per chi è stato costretto a rinnegare il Sacramento del matrimonio…ma la Chiesa è anche Madre dei peccatori, anzi come li definisce il Papa, di coloro che si portano dietro le ferite dell’amore… non può una Madre abbandonare i propri figli, anche se non più bambini. ” E’ per la durezza dei vostri cuori che Mosè vi concesso il ripudio”. Rendi i nostri cuori meno duri Signore, manda su noi lo Spirito di carità!

  2. All’inizio della creazione li fece maschio e femmina.Gesù ha creato 2 esseri simili che trovano la loro pienezza nel diventare una carne sola.Certo se pensiamo ai giorni nostri ci scontriamo con delle realtà molto diverse.Possiamo incontrare delle difficoltà a compiere certe scelte e dover valutare con attenzione la possibilità di dover affrontare lo stesso progetto di vita,anche se l’unione ha come scopo quello di continuare la creazione,Grazie Bruna

  3. Maria G.

    In questa pagina del Vangelo,prima si parla di indissolubilità del matrimonio e poi dei bambini…
    c’è un evidente collegamento!
    Allora…i bambini! Sono la cosa più bella del mondo…Come si fa a non amarli,a non perdersi
    nei loro occhi innocenti,a non desiderare di abbracciarli..?
    Io ho due nipotini,uno più grandicello,uno ancora piccolo;ringraziando Dio,sono sani,intelligenti,
    sereni,affettuosi…con loro trascorro le ore più belle della giornata.
    Per i propri bambini,per la loro serenità,per la loro crescita equilibrata,vale la pena di fare
    l’impossibile per salvare un matrimonio in crisi…Fragilità,immaturità,incomprensioni,
    incompatibilità di caratteri..sono tante le cause che possono rendere difficile la convivenza.
    Oggi più che mai ! Ma il matrimonio celebrato in chiesa,davanti a Dio,è un sacramento,e da
    esso si può trarre la forza per consolidare un’unione nonostante le tante difficoltà della vita
    Non si scoraggi ,don Matteo,e continui a preparare al matrimonio le giovani coppie
    Avrà i suoi frutti !
    Grazie Maria G..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.