XXXIa Domenica T.O. – C

(Tempo di lettura previsto: 6 minuti)

il_barone_rampante

  • Cosimo tutti i giorni era sul frassino a guardare il prato come se in esso potesse leggere qualcosa che da tempo lo struggeva dentro: l’idea stessa della lontananza, dell’incolmabilità, dell’attesa che può prolungarsi oltre la vita.” (Italo Calvino, Il barone rampante, 1957, p. 170)
  • La prima lezione che potremmo trarre dal libro è che la disobbedienza acquista un senso solo quando diventa una disciplina morale più rigorosa e ardua di quella a cui si ribella.  (Italo Calvino, Il barone rampante, 1957, p. X)
In Ascolto del Vangelo secondo San Luca 19, 1-10
Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».
C’è chi sugli alberi non c’è mai salito, chi ci fa la casa, chi ci si arrampica, chi ci resta una vita; nascosto tra le fronde, equidistante dalla terra e dal cielo, dalla propria umanità inespressa e il volto buono di Dio.
Resta li, a mangiare sempre lo stesso frutto, a prendere pioggia, sole o vento. Non scende, non tocca la vita, resta sospeso. Sopravvive.
Zaccheo ci si arrampica per curiosità. Benedetta sia la curiosità, la domanda non stupida o banale, (Ode alla Domanda mai banale per eccellenza!), la sete, la voglia di capire come funziona e perché, cosa c’è oltre, sotto, sopra, a lato e dall’altra parte.
Il Barone Rampante non vuole più scendere… resta li nel suo microcosmo.
Pare molti di noi…
Zaccheo viene fatto scendere…e la vita è adesso, canterebbe Baglioni… incontra un volto nuovo che lo guarda in modo nuovo. Cambia tutto.
(Mioddio ho citato Baglioni…)… benedetto quell’albero… quel sicomoro… tutto quel che rappresenta…
ogni esperienza che facciamo, ogni gita, ogni viaggio, lettera che scriviamo, articolo che leggiamo, libro che acquistiamo, pagina che scriviamo, amicizia che coltiviamo, concerto a cui andiamo, disco che riascoltiamo, museo che visitiamo, chiesa in cui entriamo, silenzio che scegliamo, cibo che gustiamo scoprendo da dove e come arriva ad essere così unico e buono, ogni domanda a cui non abbiamo fretta di risponderci, ogni percezione che lasciamo venire a galla, ogni suggestione da cui ci lasciamo carezzare…
tutto è sicomoro, tutto è albero, tutto è gradino. Ogni parola nuova o meno è solo un gradino. Verso Dio? verso noi stessi? verso l’altro? verso l’alto?
verso la verità di noi? siamo noi a salire? o Lui a tirarci un po’ su allungandoci la mano?
Annunci

3 pensieri su “XXXIa Domenica T.O. – C

  1. diletta

    Piccolo fi statura ….
    Mia nipote abita
    Zona terremoto
    E non ho potuto
    Dirle …prego per te
    Perché mio fratello
    Non mette piede in chiesa.
    Oggi a messa me ne stavo
    Li mezza addormentata
    Quando i miei occhi
    Si sono posati sulla foto
    Di ..madre Teresa …
    Piccola di statura ….
    Queste parole me le
    Aveva dette proprio mio
    Fratello perché l ha incontrata
    In ..aereo . Se l e’ trovata davanti
    E ha …pianto . Non ha mai capito perché …ha detto che era bassa cosi
    Ma aveva una forza incredibile ….
    Ecco ….oggi questo mi e stato di lezione anche a ..me . Il volontariato seppur nobile qualche volta lascia cosi a desiderare che ..
    Sarebbe quasi meglio che non vi fosse invece vi sono veramente
    Dei piccoli ….tesori .

  2. Maria G.

    Grazie don, per essere sicomoro per tanti di noi…
    Avevamo sentito parlare tanto di Gesù,…poi abbiamo sentito il bisogno di vederlo,
    di ospitarlo nella nostra “casa”,di trattenerlo presso di noi…per sempre.

  3. Clod

    … certo…
    Un mio vecchio amico prete scout ci raccomandava di “…diventare il sicomoro su cui i ragazzi sarebbero potuti salire per vedere Gesù”.
    E mi rendo conto solo ora che tante volte lo siamo stati senza saperlo e altrettante, e forse ben di più, non glielo abbiamo concesso perchè troppo occupati in elucubrazioni teoretiche sulla “scelta di fede” …
    Spero che Dio mi perdonerà per queste ultime occasioni mancate… accordandomi ancora qualche possibilità di riscatto e di solida esperienza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.