Va Domenica T.O. – A

(Tempo di lettura previsto: 6 minuti)

3101201731012017_2

In Ascolto del Vangelo secondo San Matteo 5, 13-16
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
“Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente.
Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. 
Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli.”
Quante volte mi sento trattare come fossi il garante della fede e della religiosità della gente! subito chi mi incontra o si presenta, si giustifica dandomi conto delle proprie prestazioni religiose… pronto a dirmi che non va tanto a messa, che non è un santo, che non si confessa da decenni, che non fa del male a nessuno, che è convivente o separato…
mamma mia… non mi pare di avere certo la faccia da Santa Inquisizione: eppure c’è questo bisogno, ancora oggi, di giustificarsi subito, dicendo poi la famosa frase: “Sai, io credo a modo mio”.
Ecco..questa si mi mette tristezza! se sono in giornata provo a sibilare…che “a modo mio” non è scritto nel vangelo…il quale ci invita a credere in un Padre buono e misericordioso che ci vuole felici… non a credergli a modo mio. E che questo volto di Dio è liberante e ci vuole liberi, liberati e liberanti!
Allora poi altre giustificazioni e -come spero sempre- il dialogo riesce pure a crescere.
A modo mio cosa significa? in genere niente. Una sorta di giustificazione per privatizzarsi, chiudersi, ammettere che sì..non va bene però siccome mi interessa fin la..qualcosa devo dire. Significa in genere avere una gran confusione in testa… idee sbagliatissime di Dio, che ti si ritorcono contro, essere in preda di retaggi del passato, cristianesimi sociali o moraleggianti, educazioni preconfezionate, in balia di qualche stupidaggine sentita, patita da genitori, nonna col rosario, preti o suore all’asilo ecc., svendendo zie suore, parenti missionari o anni da chierichetto per la fede e il credere un tanto al kg…..
Raramente c’è la consapevolezza di quel che si dice: si confondono un sacco di bisogni religiosi con la fede, le tradizioni e le abitudini con la religiosità, qualche devozione con la verità di Dio e del Suo vangelo… il sapore della Sua Parola con le nostre parole, la sua misericordia con i nostri silenzi, il bisogno di silenzio e riflessione, con la preghiera… in genere Dio sembra qualcuno da sistemare alla meno peggio e fare star buono. In genere, insomma..a modo mio oltre ad essere inutile è anche dannoso. Non porta da nessuna parte.
“Continuiamo così, allora, facciamoci del male”…chioserebbe il grande Nanni Moretti a chi non sapeva dell’esistenza della Sacher Torte nel film “Bianca”.
Continua a credere a modo tuo, mi verrebbe da dire…non venire in chiesa se non quanto e come ti senti (comandi tu!), a confondere la fede in Lui nel bisogno di stare da solo e in silenzio a pensare…(a cosa poi) e mi raccomando…. leggi tutti i vangeli apocrifi e i libri di Augias e Mancuso ma MAI…un vangelo semplice e puro, per carità.
Non fare le cose scontate e immediate. Non andare alle “fonti”…
Non farlo, potresti imbatterti nella pagina di oggi…che ti dice che la tua vita ha sapore…è bella e importante. No, non sia mai. Che Dio abbia una buona notizia per te? nein.
La tua vita (può essere) E’ sale…per te e per gli altri… dare sapore, qualità, saper custodire le cose belle che ti vengono annunciate, il sale poi disinfetta, pulisce, cura… la tua vita può fare tutte queste cose se prima le lascia fare a Dio per te….
E’ Luce… guida, direzione, senso, calore..illuminare la realtà, guardarla come la guarda Cristo, con premura, apprensione, passione: in quello sguardo, in quella luce magari ti ritrovi, autentico, per quello che sei, senza giustificarti…
A te basta non far del male a nessuno, è vero. Pensi la fede sia qualcosa di etereo e marginale. Qui invece ci viene detto che conta il fare… quello che eccita noi veneti pratici… ma senza rendercene conto… il fare concreto delle “vostre buone opere”… perché se fai, la gente vedrà che di Dio vale la pena fidarsi. Le nostre opere buone Gli faranno pubblicità.
Ma questo a te non interessa. Non sai cosa dire ad un annuncio bello sulla tua vita, ne a vivere visibilmente con uno stile evangelico. Ma questo non è contemplato.
A te basta credere a modo tuo…pazienza.
Annunci

6 pensieri su “Va Domenica T.O. – A

  1. Abbiamo bisogno sempre di nuova luce,pace e forza…ogni giorno,ogni momento in cui ci
    troviamo “in secca”,quando le tentazioni di egoismo,di dubbio ,di pigrizia ,etc.etc….ci
    insidiano.
    Quanto siamo fragili…!
    Quanto abbiamo bisogno di risurrezione!
    Benvenuta quaresima,. se per noi tutti sarà occasione di luce!

  2. daniela

    Mentre ascolto Keith Jarrett nel suo Koln Concert e leggo la Goccia penso a cosa sarebbe la vita senza la musica…È così anche per il Vangelo che dà un sapore speciale alla nostra vita quando incontri una persona che sorride con gli occhi, che ti chiede come stai, che fa un piccolo gesto di generosità, che ti dona un pò del suo tempo, una parola gentile che ti tocca il cuore o anche solo ti ascolta. Sì ci sono modi differenti di stare nel mondo e noi possiamo fare la differenza nelle piccole cose di tutti i giorni.
    P.s. dal vivo Mancuso mi è sembrato una persona vera, seppure io non condivida in molti punti il suo pensiero

  3. complimenti , questi commenti così in armonia con l’omelia raccontano di anime religiose, pie quasi più sacerdotali dell’autore che invece forse vuole scuoterci… pace a tutti

  4. Umanamente parlando,si crede ad una persona che ci ispira fiducia,e questa gliela diamo sulla base del suo comportamento,del suo modo di pensare,del suo stile di vita,di come agisce più
    ancora di come parla….La figura di Gesù nel Vangelo ci appare degna della nostra fiducia,per
    questo da più di duemila anni continua ad imporsi ,a suscitare il nostro grande interesse,ad essere un modello di vita di mentalità,.di sfide,direi.
    Scuote le nostre coscienze,ci inquieta,ci motiva,non ci sazia mai.
    ,…Ho ripensato all’invito alla conversione,tanto insistito da Giovanni Battista,e mi pare che
    conversione,oltre che un decisivo cambiamento di direzione,si possa intendere anche come un convergere verso una meta,in questo caso verso una Persona,da parte di chi crede in Lui e verso di Lui vuol volgere il suo cammino.
    Grazie

  5. Clod

    …anche a me dà particolarmente da pensare (giusto per non dire che mi… “girano” ….) sentir ripetere come un mantra : ” sono cristiano o, peggio, cattolico… ma non praticante”.
    Mi pare sia come dire “…ho la laurea in medicina, ma non pratico, non la uso, vendo gelati in spiaggia”…
    Ma si può essere di Cristo e non sentire il bisogno di “incontrarlo nel cuore” attraverso la messa, la comunione, la riconciliazione….attraverso la ricerca seria delle ragioni della nostra fede?
    Si può pensare di essere di Cristo solo perchè ho il crocifisso d’oro appeso al collo e ho fatto la trafila battesimo-catechismo-confessione-comunione-cresima con tanto di padrini annessi e connessi…?
    Lo dico, però, sommessamente: anch’io ho attraversato lunghi anni di astinenza, più dettati dalla pigrizia e dalla paura di dover pensare che non dalla convinzione di non riuscire a credere.
    E ben mi vengano questi richiami della goccia.
    Grazie Mt !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.