“Basta parcheggi!” – Omelia IIIa Domenica T.O. – A

c_2_articolo_3052251_upiimagepp
Essere cristiani? è tutto qui: credere, sperare, venire a messa, la vita di una parrocchia, i vari servizi pastorali, vanno tutti riletti da qui. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini».” Scomponiamo questa frase, basta e avanza per questa domenica: diventi spunto, programma e verifica di un lavoro pastorale, anima e respiro di un cammino comunitario:
   Venite: è la dinamica della fede, non stare fermo, seduto sulle tue quattro idee religiose, fede è alzarsi, continuare a camminare, ripartire, aggiornarsi, è relazione viva, perché è vivo Gesù Cristo Risorto e noi siamo chiamati a vivere con Lui e di Lui, non a sopravvivere; non è un pacchetto confezionato di cose da credere ma una strada da percorrere, un modo di essere; venite significa fidatevi, mettetevi in discussione: riflettere e dire “non c’ho niente da perdere” e “magari ne varrà la pena”. Significa lasciar lì le reti delle nostre fragili sicurezze, le scuse con cui ci nascondiamo, le giustificazioni da bambini, la paure di perdere qualcosa. Significa, come Gesù ha appena detto, “convertirsi”, cambiare strada! lo ripeterà tante volte nel vangelo.
   dietro a me: ci dà 1 posizione e 2 direzione. Essere cristiani non significa essere bravi, buoni, disponibili, generosi. Abbiamo stravolto il messaggio cristiano trasformandolo in un manuale di comportamenti, in un banale galateo, si fa, non si fa. No! Abbiamo diluito la fede nel risorto in devozioni, pratiche religiose e valori. Ci scaldiamo dicendo che è essenziale il rispetto. Certo, ma Cristo non ha mai parlato di rispetto. Solo e sempre di amore. Non ha mai detto di rispettare e tollerare le persone ma di amarle. Essere cristiani non è qualcosa da fare: significa innanzitutto camminare dietro a Lui. Pensiamo quando a Pietro, Gesù dirà la stessa cosa chiamandolo Satana…perchè continuava a pensare a modo suo. Andargli “dietro”: come il capo cordata in montagna, la guida nel paese straniero che stiamo visitando. Lo segui per non perderti, per non sprecare tempo, per apprezzare il posto dove ti trovi. E’ Lui il faro, la luce, come nella 1a lettura. Ma ci si deve far addomesticare e mettere in cammino. Con me imparerai a vivere come me, significa fidarsi che sia Lui la risposta a tante nostre domande, inquietudini, paure e bisogni. La nostra umanità fragile, sola e ferita trova nel confronto con Cristo una risposta ai propri perchè…imparando a sentirsi amata e ad amare. Allora avrà senso dire che Lui è il nostro salvatore, riconoscerci come “cristiani!”.
Il Papa l’altro ieri ha messo in guardia diceva “dai cristiani che vogliono vivere nel frigorifero, perché tutto rimanga così, cristiani parcheggiati, hanno trovato nella chiesa un bel parcheggio…
  pescatori di uomini: cosa significa pescare uomini? Pescare il pesce si sa, significa tirarlo fuori dal suo habitat vitale, l’acqua, per dargli la morte, venderlo e guadagnarne un profitto. Pescare gli uomini invece significa salvarli, tirarli fuori dall’acqua che può dar loro la morte, e non per il proprio profitto, ma per il loro interesse, la loro vita.  Gesù non ha mai voluto fare le cose da solo o a modo suo: ha chiesto aiuto. La chiesa nasce qui e così. Da una richiesta di collaborazione, di corresponsabilità, cfr. le tre parrocchie ora. 
Se non nasce qui …e così, sicuramente muore qui e… così.
E’ come se Gesù dicesse: tu, cosa sai fare? di che ti occupi? bene, fallo in modo cristiano, come lo farei io, fallo per gli altri, per il bene comune ed un futuro migliore per tutti, con onestà, passione, impegno. Fallo in modo da dare qualità alla vita degli altri. Il nostro lavoro, qualsiasi possa essere, ha bisogno di essere fatto da cristiani! Essere cristiani oggi è una responsabilità sociale! Lì fuori hanno bisogno di noi, del vangelo, di pescatori di uomini! Di una nuova cultura cristiana.
La chiesa, oggi, le parrocchie: abbiamo questa attenzione? Una comunità parrocchiale cos’ha a cuore, a cosa dedica innanzitutto risorse ed energie? su cosa la pesiamo? se crea aggregazione o se favorisce la salvezza delle persone? se accontenta tutti, spaccia sacramenti, garantisce parcheggi o se va dietro a Cristo? Chiediamo al Signore di non vivere da parcheggiati; ci aiuti  a riconoscerlo, tenerlo davanti di noi, vivo; a seguirlo, lasciando qualche “rete” per fare strada con Lui, come comunità di chiamati ad essere giorno per giorno pescatori di uomini.

IIIa Domenica T.O. – A

(Tempo di lettura previsto: 4 minuti)

18012016

In Ascolto del Vangelo secondo San Matteo 4,12-23

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta.

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono. Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

Gustandolo a poco a poco, con qualche nota geografica nemmeno tanto misteriosa, questo vangelo è più saporito di quel che si pensi. Gesù si trasferisce a Cafarnao: ci sono stato…qualche centinaio di metri di rovine, i resti della casa di Pietro e poco più. E’ una delle tappe classiche del percorso minimo-base in Terra Santa.
Davvero un paesello dimenticato da Dio. Eppure…
Gesù sente del Battista e questo pare motivarlo ad accelerare il suo mandato pubblico.
Lascia Nazareth…ben più grande e va lì, a Cafarnao. Lo scrive Matteo e lo conferma il profeta Isaia: era una zona di mare (cioè di lago) quindi luogo di frontiera, passaggio, sulla “Via del Mare”, la celebre strada imperiale che dall’Egitto passando per Damasco conduceva in Mesopotamia, facendo da confine tra Galilea e Golan…insomma… erano posti la cui popolazione era considerata semi pagana, perché “imbastardata” con altri popoli, considerati ignoranti, sporchi, corrotti e poco praticanti…
Gesù ci indica subito chi vuole che siano i suoi primi destinatari. E noi, fratelli, di che reggimento siamo?
Abbiamo un “pied a terre” a Cafarnao, no?
Lui che si era messo in fila coi peccatori, compiacendo Dio, non può che cominciare così. Dalle tenebre di una umanità forse al buio, che lui però è venuto ad illuminare. Per chi si trovava..”in ombra di morte”…Lui si fa luce. Direzione, senso, segno. Direi anche sapore. Ma noi come viviamo queste sue scelte? ci toccano? cosa provocano in noi? chiusura, fuga, ci giriamo dall’altra parte, ci scherniamo, falsa umiltà, pazienza….

Convertitevi… non va letto in termini moralistici come facciamo sempre noi: comportati meglio, non sono un santo, non fare questo o quello, diventa migliore, vorrei essere diverso, più perfetto…occhio che…no!

Convertirsi… significa cambiare mentalità e modo di pensare. Il motore, la radice, non quel che appare.
Solo così ti accorgerai che il regno di Dio, non il paradiso un domani, è vicino, reperibile..forse proprio dietro di te. Dietro la coltre di boiate che ti sei messo in testa e non hai mai avuto voglia di togliere su diochiesagesùvangelofedeconversionevita…. cambiare modo di pensare, mettersi in discussione, abbassarsi le venete maniche delle cose religiose da fare, dei meriti e delle tradizioni del passato (sacrosante ma secondarie) e alzare le mani, togliendole al limite dalle tasche dell’indifferenza…. per offrirle capienti e consenzienti a questa sua luce.
Apriamogli il cuore delle nostre Cafarnao quotidiane, esistenziali, mentali, morali e spirituali.
Ormai siamo in minoranza, si dice da anni (in pochissimo tempo, poi, alla faccia delle messe, della Democrazia Cristiana, della bianca balena, delle miliardi di messe rosari preti capitelli che abbiamo in veneto…) ma credo che se qualcuno non riparte da sé ormai siamo destinati ad una cosa ben peggiore della minoranza: l’irrilevanza.

“Come un mantra..” – Omelia IIa Domenica T.O. – A

costume-bimbo-pecora-agnello

 

Tra un po’, terminando lo scambio di pace, quasi in automatico diremo per tre volte “Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo!”. Ma che stiamo facendo? 
(Magari un triste “agnello di dio” ci costringere ad interrompere un allegro canto per la pace!!!)
  Pensiamoci: la liturgia ci fa imitare il Battista, nel vangelo che abbiamo appena ascoltato. Cosa accade? Gesù, dopo il battesimo, sta iniziando il suo ministero pubblico: il Battista incontrandolo, lo riconosce e dice: ”Ecco l’agnello di Dio che toglie il peccato del mondo”. Ad ogni messa siamo come il Battista. Invitati a riconoscere, in quell’ostia consacrata, il corpo di Cristo, che 
1) quello è l’agnello di Dio e che 2)“toglie i peccati del mondo”. Ecco la fede. Ma 1) che significa agnello? 
Nell’Esodo AT, il popolo di Israele viene liberato dalla schiavitù in Egitto evitando la morte perché le porte delle loro case erano riconoscibili per delle tracce di sangue di agnello… erano questi animali poi, ad essere uccisi a Pasqua nel tempio a mezzogiorno. Era il sacrificio più prezioso da offrire ad un Dio distante per tenerlo buono, vivendo da schiavi impauriti. Ricordiamo i mercanti del tempio. Ma Gesù era l’opposto e il Battista, pur a fatica (non lo conoscevo dice 2 volte) cambia idea e lo scopre. 
Un’immagine inattesa di Dio, una rivoluzione totale: non più il Dio che chiede sacrifici, ma Colui che sacrifica se stesso. 
E sarà così per tutto il Vangelo: un agnello invece di un leone; una chioccia invece di un’aquila; un bambino come modello del Regno; un germoglio di fico, un pizzico di lievito, i due spiccioli di una vedova. Il Dio che a Natale non solo si è fatto come noi, ma piccolo tra noi. Indifeso, non autosufficiente.
Un Dio che non si impone, si propone. Che non ti fa paura, ma che ha paura tu non riesca a lasciarti amare e per questo cammina vicino a te. Arriva la croce!   Noi siamo chiamati, come il Battista, guardando a Gesù, non più dal vivo ma realmente presente nel suo corpo appena consacrato a dire per 3 v…ecco l’agnello: ecco il vero volto di Dio, quello autentico. Non posso continuare a pensare male di Lui…e di me. Ricordiamolo…
    E poi, seconda domanda: che significa che toglie il peccato del mondo. Toglie il peccato: verbo al presente; non al futuro, come una speranza; non al passato, come un evento finito e concluso, ma adesso: ecco colui che continuamente, instancabilmente, toglie via, se solo lo accogli in te. Cosa sono i nostri peccati? occasioni sprecate per essere quel che siamo: avrei potuto essere generoso, invece sono stato pigro o egoista. Occasioni sprecate per vivere meglio. Per essere più umani.
Ma il peccato è una mentalità, io vengo prima di Dio. Posso essere  devoto, praticante, parrocchiano, credente ma a modo mio, dove le mie idee su di Lui valgono più di quel che Lui ha detto di sé o fatto per me. IL Battista e la liturgia ci fanno guardare al vero volto di Dio per noi. Ecco l’agnello di Dio, ribadiamo..quasi a doverci educare o convincere!!
Qui la fede ci illumina e sostiene, donandoci la possibilità di estirpare da noi questa mentalità.  In tutto il Vangelo Gesù ci spiega davvero chi è Dio attraverso la sua vita, il suo stile: per questo sale sulla croce: per interrompere quel tipo di rapporto religioso falso con Lui. La croce è l’ultimo sacrificio necessario, quello definitivo. Cristo accettando la morte per noi ha inaugurato un rapporto diverso con Dio. Si è fatto agnello perché noi potessimo accorgerci che Dio è diverso, è padre.
   E consapevoli di ciò, cosa faremo? faremo la comunione: mangeremo il corpo di Cristo, quell’agnello, ultimo sacrificio definitivo. Mangiare significa nutrirsi, quel che mangi ti aiuta a vivere meglio. Fate questo in memoria di me, diventate agnelli, non sacrificatevi per Dio ma gli uni per gli altri. Fare comunione tra di noi. Allora non è gesto di devozione vuota ma di impegno sociale. Lo riconfermiamo ogni volta che guardando all’eucaristia tra le mani del prete, diciamo agnello di dio che togli i peccati del mondo abbi pietà di noi… che continuiamo a fraintendere il tuo amore e dona a noi la pace. L’amen che diremo alla comunione, nutrendoci di questo agnello, ci sostenga in questo atto di fede e ci faccia vivere così.